Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Ritratto di principe di età giulio-claudia, su busto moderno

Arte romana


Il ritratto virile, di ignota provenienza, è inserito su un busto loricato moderno. Caratterizzato da un’espressione assorta, evidenziata dagli zigomi sporgenti e dalle rughe di espressione che solcano i lati del naso, ha una capigliatura organizzata in ciocche ondulate desinenti a punta che formano una frangia regolare, con lunghi riccioli sulla sommità del capo. La disposizione dei capelli riprende l’iconografia ritrattistica dei principi di età giulio-claudia, in particolare di Caligola. La scultura, fortemente rilavorata in superficie, è inquadrabile agli inizi del I secolo d.C.


Scheda tecnica

Inventario
CCXXIX
Posizione
Datazione
ca. 40 d.C.
Tipologia
Materia / Tecnica
marmo bianco
Misure
altezza con busto cm 68, testa cm 25
Provenienza

Collezione Borghese, citata nell’Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, C, p. 54, n. 181 (sala VIII). Acquisto dello Stato, 1902.

Conservazione e Diagnostica
  • XIX sec., rilavorazione della superficie con spazzola; naso, mento e fronte
  • 1996-97, Liana Persichelli

Scheda

Il ritratto virile, di cui sono antichi la testa e il collo, presenta numerose tracce di rilavorazione moderna con spazzola sulla superficie ed è inserito su un busto loricato moderno. La testa di forma squadrata e massiccia nella parte superiore fino agli occhi è frontale. Il volto, glabro, presenta un’espressione assorta e concentrata sottolineata dall’ampia fronte corrucciata, dagli zigomi sporgenti e dai marcati solchi nasolabiali. I grandi occhi lisci con caruncola lacrimale incisa con il trapano hanno la palpebra superiore marcata; la bocca carnosa è serrata con angoli scavati e rivolti leggermente verso il basso. La pettinatura è ordinata in ciocche mosse che dipartono da un vortice sulla sommità del capo formando una frangia regolare di ciocche desinenti a punta, che si arrestano bruscamente davanti alle orecchie per intervento del restauro moderno. La disposizione della chioma, in ciocche fitte e contigue con andamento omogeneo e terminazione verso destra, e il denso accavallarsi dei lunghi riccioli sulla sommità del capo, è genericamente ispirata al repertorio della ritrattistica ufficiale di età giulio-claudia, in cui si osserva una tendenza a idealizzare le immagini e assimilare i tratti individuali dei singoli membri a quelli del capostipite della famiglia. 

In particolare la scultura sembra trovare un confronto con l’iconografia nota di Caligola negli ultimi tempi del principato, così come appare in un ritratto dall’Asia Minore conservato alla Glyptotek di Copenaghen (Inv. n. 2687; Boschung 1988, pp. 111 ss, n. 18 Tavv. 17-18, 1–4; Pollini 2013, pp. 263–265, fig. 5–7).

Aspetti tecnici ed iconografici permettono di inquadrare il ritratto Borghese, di ignota provenienza, nella prima metà del I secolo d.C. Non è da escludersi che la scultura sia stata acquistata contestualmente all’altro ritratto di principe giulio-claudio, esposto nella medesima sala (CCXXXIX), che mostra segni di analoga rilavorazione della superficie.

Jessica Clementi




Bibliografia
  • Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1840, p. 25, n. 23.
  • A. Nibby, Roma nell’anno 1838, Roma 1841, pp. 924-925, n. 23.
  • Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1854 (1873), p. 29, n. 22.
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 48.
  • G. Giusti, La Galerie Borghèse et la Ville Humbert Premier à Rome, Roma 1904, p. 33.
  • P. Della Pergola, La Galleria Borghese in Roma, Roma 1954, p. 22.
  • R. Calza, Catalogo del Gabinetto fotografico Nazionale, Galleria Borghese, Collezione degli oggetti antichi, Roma 1957, p. 14, n. 121.
  • K. Fittschen, P. Zanker, Katalog der römischen Porträts in den Capitolinischen Museen und den anderen kommunalen Sammlungen der Stadt Rom, 1. Kaiser- und Prinzenbildnisse, Mainz 1985, p. 32.
  • D. Boschung, Die Bildnisse des Caligula, Das römische Herrscherbild I,4, Berlin 1989.
  • P. Moreno, A. Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La collezione archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, pp. 253-254, n. 245.
  • J. Pollini, Re-immaginando l’immagine di Caligola: un’indagine fra l’uomo e il mito, in Caligola: a trasgressione al potere, a cura di A. Palladino, Roma 2013, pp. 257-266.
  • Scheda di catalogo 12/ 01008539, P. Moreno 1976; aggiornamento G. Ciccarello 2021