Galleria Borghese logo
Search results for
X
No results :(

Hints for your search:

  • Search engine results update instantly as soon as you change your search key.
  • If you have entered more than one word, try to simplify the search by writing only one, later you can add other words to filter the results.
  • Omit words with less than 3 characters, as well as common words like "the", "of", "from", as they will not be included in the search.
  • You don't need to enter accents or capitalization.
  • The search for words, even if partially written, will also include the different variants existing in the database.
  • If your search yields no results, try typing just the first few characters of a word to see if it exists in the database.

The Saviour

Workshop of Carracci Agostino

Bologna 1557 - Parma 1602)

This painting represents one of the most cherished and sympathetic themes in early 17th century Bolognese painting, as confirmed by the great success of the subject, repeated countless times. The canvas depicts the face of Christ, crowned by a wreath of thorns from which tears and blood are flowing. The sad gaze and purplish lips express those feelings that were meant to be aroused in the devout population.


Object details

Inventory
039
Location
Date
primo decennio del secolo XVII
Classification
Period
Medium
oil on canvas
Dimensions
cm 51 x 48
Frame
Salvator Rosa cm 63,5 x 62 x 6
Provenance
Text not translated yet
Roma, collezione Borghese, 1650 (Manilli 1650); Inv. 1693, St. II, n. 93; Inv. 1790, St. II, n. 15;
Inventario Fidecommissario, 1833, p. 7; Acquisto dello Stato, 1902.
Conservation and Diagnostic
  • 1952 Augusto Cecconi Principi (pulitura e verniciatura);
  • 1992 Istituto Centrale del Restauro (disinfestazione); 
  • 2000 ENEA (indagini diagnostiche);
  • 2000-2001 Paola Mastropasqua (pulitura, asporto della vernice ingiallita e invecchiata, verniciatura a pennello, stuccatura e rasatura delle lacune, reintegrazione pittorica, verniciatura finale; restauro della cornice).

Scheda

Questo dipinto è segnalato per la prima volta nella raccolta Borghese nel 1650, descritto da Iacomo Manilli come "il quadro piccolo [...] del Salvatore, è d'Annibale Carracci"; paternità confermata da Carlo Cesare Malvasia (1678) e dall'estensore dell'inventario Borghese del 1693. Elencato successivamente come opera di Ludovico Carracci (Inv. 1790), nel 1928 il quadro fu accostato da Roberto Longhi alla Maddalena (inv. 48), le cui dimensioni pressoché identiche fecero pensare che le due tele fossero state concepite come pendant; ipotesi scartata nel 1955 da Paola della Pergola. Secondo la studiosa, infatti, le due teste, copie degli originali di cui parlano le fonti, erano state avvicinate tra di loro in un secondo momento, modificando per l'occasione le dimensioni, come dimostrerebbero le diverse proporzioni. Tenuto conto di tali considerazioni, l'allora direttrice del Museo Borghese pubblicò le teste come opera di un seguace di Agostino Carracci, opinione in parte rivista nel 1964, quando avanzò l'idea che il dipinto potesse essere identificato con quello effettivamente descritto nell'inventario Borghese del 1693. 

L'opera risente chiaramente dell'Ecce Homo del Correggio (Londra, National Gallery), una piccola tavola una volta conservata presso la quadreria della famiglia Prati di Parma, dove fu vista nel 1587 da Agostino Carracci che ne trasse una nota incisione. È chiaro, infatti, che il bolognese ne rimase fortemente affascinato, come testimonia la tavoletta Borghese, prodotta all'interna della sua bottega, che esalta quei "moti dell'animo" - in questo caso di Cristo - utili ad accrescere la partecipazione emotiva dell'osservatore.

Antonio Iommelli




Bibliography
  • I. Manilli, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana, Roma 1650, p. 99; 
  • C.C. Malvasia, Felsina Pittrice, Bologna 1678, a cura di G. P. Zanotti 1841-1844, III, p. 357; 
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese, in Archivio Galleria Borghese, 1891, p. 185; 
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 54; 
  • H. Tietze, Annibale Carracci’s Tätigkeit in Rom, in “Jahrbuch der Kunsthistorischen Sammlungen in Wien”, XXVI, 1906-1907, p. 167; 
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I, La R. Galleria Borghese, Roma 1928, pp. 136, 180; 
  • P. della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, I, Roma 1955, pp. 19-20, n. 13; 
  • P. della Pergola, L’Inventario Borghese del 1693 (I), in “Arte Antica e Moderna”, XXVI, 1964, p. 224; 
  • S.E. Ostrow, Agostino Carracci, tesi di dottorato (New York University), New York 1966 (assente);
  • R. Longhi, Saggi e ricerche 1925-28. Precisioni nelle gallerie italiane. La Galleria Borghese, Firenze 1967, p. 334; 
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 18.