Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Vaso di fiori, frutta e ortaggi

Maestro di Hartford

(attivo a Roma prima metà del sec. XVII)

Il dipinto proviene, con la Cacciagione da penna e civetta, dal celebre sequestro ai danni del Cavalier d’Arpino, operato da Scipione Borghese nel 1607. Studi recenti hanno individuato nelle due tele – attribuite in passato anche a Caravaggio – la medesima mano, riferita all’ancora sconosciuto Maestro di Hartford, cosiddetto convenzionalmente dall’omonima città americana in cui si conserva la prima opera a lui riferita. Lo stile del pittore, forse attivo con il Merisi nella bottega dell’Arpino, riprende alcuni elementi dalle composizioni caravaggesche (il fondo scuro, il taglio obliquo della luce, la cesta di vimini intrecciata, la precisione nell’eseguire i diversi elementi floreali, vegetali e animali). La presenza dei due dipinti nella nota del sequestro, si pone come sicuro termine per la loro esecuzione, avvenuta sicuramente entro il 4 maggio del 1607. La lucertola e il ramarro, raffigurati al centro della composizione, vanno riferiti all’intento moralistico sotteso nell’opera: il loro sangue freddo viene infatti riconosciuto come positivo, in grado di riportare l’uomo sulla retta via in caso di disattenzione.


Scheda tecnica

Inventario
054
Posizione
Datazione
ante 1607
Tipologia
Periodo
Materia / Tecnica
olio su tela
Misure
cm 105 x 184
Cornice
Salvator Rosa cm. 132 x 191 x 10
Provenienza
Roma, Giuseppe Cesari detto Cavalier d’Arpino, ante 1607, inv. n. 61; Roma, collezione Scipione Borghese, 1607; Inventario Fidecommissario 1833, p. 26, n. 41; Acquisto dello Stato, 1902.
Mostre
  • 1979 Roma, Palazzo Venezia
  • 1983 New York, National Academy of Design; Tulsa, Philbrook Art Center; Deyton, Dayton Art Institute
  • 1985 New York, Metropolitan Museum of Art; Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte
  • 1995-1996 Roma, Musei Capitolini
  • 2001 Londra, Royal Academy of Arts; Roma, Palazzo Venezia
  • 2002-2003 Monaco, Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung
  • 2003 Firenze, Palazzo Strozzi 
  • 2009-2010 Kyoto, National Museum of Modern Art; Tokyo, Metropolitan Art Museum
  • 2009-2010 Bologna, Museo Civico Archeologico
  • 2016-2017 Roma, Galleria Borghese 
Restauri e Indagini diagnostiche
  • 1977 Gianluigi Colalucci (foderatura, pulitura)
  • 2009 Matteo Rossi Doria (verniciatura, restauro della cornice)
  • 2016 Diagnostica per l’arte Fabbri-D. Bussolari (indagini diagnostiche)

Scheda

Questa tela faceva parte, così come il suo pendant Cacciagione da penna e civetta (inv. 301), della collezione di dipinti del Cavalier d’Arpino (Giuseppe Cesari). Nel 1607 il pittore, accusato di detenzione illegale di armi, subì il sequestro della sua raccolta per volere di Paolo V, il quale ne fece poi dono al cardinale Scipione Borghese. Quest’ultimo entrò così in possesso dei 105 quadri allora presenti nella bottega del Cesari, tra cui figuravano anche celebri opere di Caravaggio, quali il cosiddetto Bacchino malato e il Giovane con canestra di frutta (invv. 534, 136).

L’opera non è stata sempre riconosciuta come pendant della tela rappresentante Cacciagione da penna e civetta, circostanza che ad oggi trova una definitiva conferma grazie alle indagini diagnostiche effettuate da Davide Bussolari (2016, pp. 279-289) in occasione della mostra romana L’origine della natura morta in Italia. Caravaggio e il maestro di Hartford (Galleria Borghese, 2016-2017): le due tele sono infatti di identica tipologia e costituite ciascuna da due pezze unite orizzontalmente con lo stesso metodo di cucitura. La leggera differenza riscontrabile tra le dimensioni dei due dipinti è stata ricondotta ad alcune decurtazioni effettuate in epoca imprecisata che hanno interessato soprattutto i lati minori e che spiegano l’insolito taglio di alcuni degli elementi rappresentati alle estremità della scena.

L’analisi del disegno preparatorio e della tecnica pittorica ha permesso di smentire definitivamente alcune delle numerose ipotesi attributive che nel tempo hanno interessato questa coppia di dipinti, e che proponevano di riconoscervi la presenza di differenti mani (per primo Marini 1978-1979, p. 43, nota 128). In entrambi i casi il tratto è sottile e schematico, tracciato direttamente sull’imprimitura, e l’esecuzione pittorica è caratterizzata da una meticolosa sovrapposizione di velature di colore. La corrispondenza di questi elementi di natura strettamente tecnica, seppur convalidanti la tesi di un unico autore dietro l’esecuzione di queste due nature morte, non risulta tuttavia determinante per arrivare alla sua identificazione certa, questione che ha visto la critica divisa tra molteplici ipotesi.

Negli anni Settanta, dopo che Carlo Volpe (1972, pp. 73-74) e Mina Gregori (1973, p. 46) avevano proposto il nome di Giovanni Battista Crescenzi, Federico Zeri (1976, pp. 92-103) mette per la prima volta in relazione il pendant Borghese con la Natura morta con frutta, cesto e vasi di fiori (Hartford, Wadsworth Atheneum Museum of Art) dell’artista noto convenzionalmente con il nome di Maestro di Hartford, dalla città in cui l’opera è conservata, di cui tuttora si ignora l’identità. Da lì in poi la coppia di tele Borghese, a cui lo studioso riconosce un’affinità stilistica con il “namepiece” del museo di Hartford, entrano legittimamente a far parte del un nucleo di opere già gravitanti intorno al nome del Maestro. 

Sulla scorta di quanto già affermato da Paola Della Pergola (1959, II, p. 170, n. 248), che ha giustamente identificato Cacciagione da penna e civetta con il quadro descritto al n. 38 dell’inventario del sequestro al Cavalier d’Arpino, lo stesso Zeri individua il Vaso di fiori, frutta e ortaggi al numero successivo del medesimo elenco, confermando di fatto in maniera conclusiva la provenienza delle due tele dalla bottega dell’artista. Al n. 39, infatti, viene citato “Un altro quadro con diversi frutti et fiori senza cornici”. Ricercando nell’ambito della bottega dell’arpinate la personalità a cui poter ricondurre i dipinti fino a quel momento raggruppati intorno alla natura morta di Hartford, comprese appunto le tele Borghese, lo studioso propone di identificarne l’autore nel giovane Caravaggio durante la sua prima permanenza a Roma, quando si trovò a frequentare per alcuni mesi la bottega del Cesari. Quest’ultima circostanza, ritenuta fino a pochi anni fa riconducibile al 1593, è stata recentemente postdatata a cavallo tra il 1596 e il 1597 ed è ancora al centro del dibattito critico (per un approfondimento R. Gandolfi, A. Zuccari, I primi anni di Caravaggio, in Dentro Caravaggio, cat. mostra (Milano, Palazzo Reale, 2017-2018), a cura di R. Vodret Adamo, Milano 2017, pp. 249-260).   

Successivamente Maurizio Marini (1978-1979, cit.), avanza l’ipotesi di un’esecuzione collegiale del Vaso di fiori, frutta e ortaggi, in cui riconosce almeno tre mani: quella del Maestro di Hartford, un’altra affine ai modi di Pietro Paolo Bonzi, e una terza, migliore, che non esclude possa appartenere proprio a Caravaggio. Negli anni seguenti, Marini (1981, p. 50; 1984, p. 13; 2005, pp. 130-131, 369-370) torna più volte su quest’opera e le altre del gruppo Hartford, sostanzialmente ribandendone l’eterogeneità ma confermando che la loro esecuzione sia certamente da ricondursi all’ambito della bottega dell’arpinate, dato accolto dalla critica pressoché all’unanimità (si veda a questo proposito la recente disamina di Nicosetta Roio, 2018, pp. 383-394).

L’ipotesi di una partecipazione di Caravaggio ai quadri Borghese, smentita con forza da Maurizio Calvesi in un articolo apparso su “L’Espresso” (11 febbraio 1979), è stata al centro delle riflessioni, più o meno aperturiste, dei molti studiosi che nel tempo si sono dedicati allo studio del gruppo Hartford e più in generale al tema della nascita e dello sviluppo della natura morta in Italia.

Al momento dell’esposizione dei due quadri Borghese a Roma nel 1979, Claudio Strinati (1979, pp. 62-65) accoglie cautamente l’attribuzione a Caravaggio, mentre quattro anni dopo a New York, esposti insieme alla natura morta del museo di Hartford, vengono tutti presentati come opere un seguace del maestro (Spike 1983, pp. 41 segg.).

Negli anni Novanta, per il solo Vaso di fiori, frutta e ortaggi Ferdinando Bologna (1992, pp. 287-290) avanza il nome di Tommaso Salini, mentre Minna Heimbürger (1993, pp. 69-84) lo riferisce, insieme al pendant, al fiammingo Frans Snyders, ipotesi generalmente non condivisa dalla critica. 

Ancora in tempi recenti vediamo susseguirsi una serie di tentativi di identificare il Maestro di Hartford, se non con Caravaggio stesso, con uno degli artisti compresenti nella bottega del Cesari o che possa aver avuto legami con tale ambiente. Tra i nomi proposti si ricordano, per esempio, Francesco Zucchi (Marini 1984, cit.; Salerno 1984, pp. 52-54), fratello del più noto Jacopo, e Prospero Orsi detto Prosperino delle Grottesche (Strinati 2001, p. 16; Spezzaferro 2002, pp. 31-32; Whitfield 2007, p. 11; Schifferer 2009, p. 175; Gregori 2009, p. 168).

Alberto Cottino, intervenendo più volte sulla questione nell’arco di oltre trent’anni, e dimostrando inizialmente delle notevoli aperture verso la tesi zeriana, in tempi più recenti ha espresso alcuni dubbi legati soprattutto alla successione cronologica delle opere del gruppo Hartford (Cottino 1989, pp. 655-662; 1995, pp. 59-65; 2002, pp. 136-137; 2003, pp. 140-141; 2011, pp. 25-33). Parallelamente anche Mina Gregori, dopo la precoce attribuzione a Crescenzi negli anni Settanta (Gregori 1973, cit.), si è espressa nuovamente nel 1985 (pp. 206-208) a favore di un’esecuzione non collegiale delle tele Borghese e, più di recente (2009, cit.) ha considerato il nome di Prospero Orsi come possibile Maestro di Hartford. 

La studiosa Vittoria Markova (2000, pp. 52-55), secondo un punto di vista inconsueto, propone di svincolare i dipinti Borghese dalle altre opere del gruppo Hartford, ritenendoli di diversa mano (anonima) rispetto a queste ultime, mentre Kristina Herrmann Fiore (2000, pp. 63-64), nella sua disamina dell’inventario del sequestro D’Arpino, esclude la possibilità che dietro le due opere possa celarsi la mano di Caravaggio, ipotesi che Anna Ottani Cavina ritiene invece ancora convincente e che ripropone nel 2009, in occasione della mostra bolognese Federico Zeri. Dietro l’immagine (Ottani Cavina 2009, pp. 84-86, n. XV.a). 

Il Vaso di fiori, frutta e ortaggi permane dunque nell’orbita del misterioso Maestro di Hartford, il quale a sua volta rimane legato a doppio filo al contesto della bottega del Cavalier D’Arpino, sia egli identificabile con un artista attivo nella medesima bottega o semplicemente conoscitore dall’esterno di quanto vi accadeva.

Riguardo alla datazione del quadro, nonché del suo pendant, l’appartenenza alla collezione di dipinti sequestrati al Cavalier d’Arpino individua nel 1607 il sicuro termine ante quem per la sua esecuzione.

Davide Dotti (2016, pp. 226-228, nn. 11-12), nel ribadire la qualità dei due dipinti e la loro collocazione tra i primi esempi di capolavori della natura morta italiana, rileva la propensione dell’autore per una dettagliata indagine naturalistica degli elementi che compongono la scena, che mantiene un certo gusto classificatorio. Secondo lo studioso, l’artista utilizza la luce in senso strutturale, come elemento di definizione plastica e spaziale degli oggetti, aspetto per cui lo definisce uno dei massimi interpreti del linguaggio caravaggesco nell’ambito della natura morta. Il taglio diagonale, ben visibile sulla parete di fondo del dipinto Vaso di fiori, frutta e ortaggi, suggerisce una stretta vicinanza alle ricerche del Merisi, elemento già colto da Alberto Cottino (1995, p. 118, n. 18) e, ancor prima, da John Spike (cit.). 

Di diverso avviso, come già accennato, è Herrmann Fiore (cit.) per la quale il legame del dipinto con le prime opere di Caravaggio, seppur evidente, è ancora tutto da definire e l’elemento della luce nella natura morta del Maestro di Hartford non arriverebbe a toccare quella particolare adesione agli oggetti che è visibile, per esempio, nel Giovane con canestra di frutta del Merisi, risultando di tutt’altro impatto rispetto a quest’ultimo. Il quadro Borghese costituirebbe quindi proprio un esempio di quella maniera, ancorché virtuosa, che Caravaggio intese superare. 

Lo stesso Dotti (2016, pp. 129 sgg.) tenta inoltre di ricostruire la sequenza cronologica dei dipinti ricondotti al Maestro di Hartford sulla base dell’evoluzione stilistica in essi riscontrabile, collocando le due tele Borghese in un periodo di poco antecedente alla natura morta del Museo di Hartford, considerato il più alto esempio dell’attività dell’artista e databile agli anni 1606-1607.

Il dipinto in esame presenta una varietà di frutta e verdura di diverse stagioni posti su differenti piani di profondità. Gli elementi preponderanti a livello compositivo sono il cesto di frutta sull’estrema destra e il vaso di ceramica pieno di fiori nella parte sinistra. Il dipinto non è privo di elementi allegorici, come quello della lucertola e del ramarro, animali a sangue freddo riconosciuti come positivi e in grado di riportare sulla strada della virtù l’uomo colpito dal vizio e dalla cattiva morale.  

     

Pier Ludovico Puddu




Bibliografia
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese in Archivio Galleria Borghese, 1891, p. 423;
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, pp. 60-61;
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I: La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 181;
  • U. Thieme, F. Becker, Allgemeines Lexikon der Bildenden Künstler, Leipzig 1940, XXXIV, p. 489;
  • L. Van Puyvelde, La Peinture Flamande à Rome, Bruxelles 1950, p. 139;
  • P. Della Pergola, Un acquisto di opere fiamminghe per la Galleria Borghese, in “Mededeelingen van het Nederländs Historisch Instituut te Rome”, ser. 3, X, 1959, pp. 267-271;
  • P. Della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, II, Roma 1959, p. 191, n. 287;
  • C. Volpe, Annotazioni sulla mostra caravaggesca di Cleveland, in “Paragone. Arte”, XXIII, 1972, CCLXIII, pp. 73-74;
  • M. Gregori, Notizie su Agostino Verrocchio e un’ipotesi per Giovanni Battista Crescenzi, in “Paragone”, XXIV, 1973, CCLXXV, p. 46;
  • F. Zeri, Sull’esecuzione di “nature morte” nella bottega del Cavalier d’Arpino, e sulla presenza ivi del giovane Caravaggio, in Id., Diari di Lavoro 2, Torino 1976, pp. 92-103;
  • M. Marini, Michael Angelus Caravaggio Romanus (Studi Barocchi, I), Roma 1978-1979, p. 43, nota 128:
  • M. Calvesi, in “L’Espresso”, 11 febbraio 1979;
  • C. Strinati, in Quadri Romani tra ‘500 e ‘600. Opere restaurate e da restaurare, catalogo della mostra (Roma, Museo Nazionale di Palazzo Venezia, 1979), a cura di C. Strinati, Roma 1979, pp. 62-65, fig. 10;
  • M. Marini, Gli esordi del Caravaggio e il concetto di “natura” nei primi decenni del Seicento a Roma, in “Artibus et Historiae”, II, 1981, p. 50;
  • M. Cinotti, Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, in I pittori bergamaschi. 4. Il Seicento. 1, a cura di P. Zampetti, G.A. Dell’Acqua, Bergamo 1983, pp. 567-568;
  • M. Marini, Nature morte italiane a spasso per l’America, in “Il giornale dell’arte”, III, 1983, pp. 1, 5;
  • J.T. Spike, in Italian still life paintings from three centuries, catalogo della mostra (New York, National Academy of Design, 1983; Tulsa, Philbrook Art Center, 1983; Dayton, Dayton Art Institute, 1983), a cura di J. T. Spike, Firenze 1983, pp. 41 sgg;
  • M. Marini, Fingere e dipingere la natura in Proscenio. Immagini della natura morta europea tra Seicento e Settecento, Roma 1984, pp. 12-13;
  • L. Salerno, La natura morta italiana, 1560-1805, Roma 1984, pp. 52-54;
  • M. Gregori, in Caravaggio e il suo tempo, catalogo della mostra (New York, Metropolitan Museum of Art, 1985; Napoli, Museo e Gallerie Nazionali di Capodimonte, 1985), a cura di G. Borsano, S. Cassani, Napoli 1985, pp. 206-208, n. 63;
  • M. Marini, Caravaggio. Michelangelo Merisi da Caravaggio “pictor praestantissimus”. La tragica esistenza, la raffinata cultura, il mondo sanguigno del primo Seicento, nell’iter pittorico completo di uno dei massimi rivoluzionari dell’arte di tutti i tempi, Roma 1987, p. 357, n. 1;
  • A. Cottino, La natura morta caravaggesca a Roma, in La natura morta in Italia, a cura di F. Porzio, F. Zeri, Milano 1989, II, pp. 650-689, in part. 655-662, 691-694; 
  • F. Bologna, L’Incredulità del Caravaggio e l’esperienza delle “cose naturali”, Torino 1992, pp. 287-290;
  • M. Heimbürger, Michelangelo Merisi, Frans Snyders and the genesis of Italien still life painting, in Tecniche della pittura: procedimenti, materiali, strumenti (Ricerche di storia dell’arte, LI), a cura di S. Bordini, Roma 1993, pp. 69-84;
  • A. Cottino, “Dipinger fiori e frutta sì bene contraffatti…”. La natura morta caravaggesca a Roma, in La natura morta al tempo di Caravaggio, catalogo della mostra (Roma, Musei Capitolini, 1995-1996), a cura di A. Cottino, E. Fumagalli, Roma 1995, pp. 59-65;
  • A. Cottino, in La natura morta al tempo di Caravaggio, catalogo della mostra (Roma, Musei Capitolini, 1995-1996), a cura di A. Cottino, E. Fumagalli, Roma 1995, p. 118, n. 18;
  • K. Herrmann Fiore, Caravaggio e la quadreria del Cavalier d’Arpino, in Caravaggio. La luce nella pittura lombarda, catalogo della mostra (Bergamo, Accademia Carrara, 2000), a cura di C. Strinati, R. Vodret, Milano 2000, p. 64;
  • V.E. Markova, Il pomo del mistero. La complicata storia della natura morta in Italia, in Quadri & Scultura”, VIII, 2000, XXXVI, pp. 52-55;
  • C. Stefani in P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 92, n. 16;
  • The genius of Rome, 1592-1623, catalogo della mostra (Londra, Royal Academy of Arts, 2001; Roma, Palazzo Venezia, 2001), a cura di B. L. Brown, London 2001, p. 79, n. 19;
  • M. Marini, Caravaggio, "pictor praestantissimus". L’iter artistico completo di uno dei massimi rivoluzionari dell’arte di tutti i tempi, (3a ed. riveduta e aggiornata), Roma 2001, pp. 130-131, 369-370;
  • C. Strinati, La natura morta in Roma dopo Caravaggio, in L’anima e le cose. La natura morta nell’Italia pontificia nel XVII e XVIII secolo, catalogo della mostra (Fano, ex Scuola Luigi Rossi, 2001), a cura di R. Battistini, B. Cleri, Fano 2001, p. 16;
  • A. Cottino, in Natura morta italiana. Tra Cinquecento e Settecento, catalogo della mostra (Monaco, Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung, 2002-2003), Milano 2002, pp. 136-137;
  • L. Spezzaferro, Caravaggio accettato. Dal rifiuto al mercato, in Caravaggio nel IV centenario della Cappella Contarelli, atti del convegno (Roma, 2001) a cura di C. Volpi, M. Calvesi, A. Antinori, Città di Castello 2002, pp. 31-32;
  • A. Cottino, in La natura morta italiana. Da Caravaggio al Settecento, catalogo della mostra (Firenze, Palazzo Strozzi, 2003), a cura di M. Gregori, Milano 2003, pp. 140-141;
  • M. Marini, Caravaggio, "pictor praestantissimus". L’iter artistico completo di uno dei massimi rivoluzionari dell’arte di tutti i tempi, (4a ed. riveduta e aggiornata), Roma 2005, pp. 130-131, 369-370;
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 24;
  • C. Whitfield C., Prospero Orsi, interprète du Caravage, in “Reveu de l’art”, CLV, 2007, pp. 9-19;
  • S. Ebert-Schifferer, Caravaggeschi nordici “avant la lettre”, in Caravaggio e l’Europa. L’artista, la storia, la tecnica e la sua eredità, atti del convegno (Milano, 2006), a cura di L. Spezzaferro, Cinisello Balsamo 2009, pp. 169-177;
  • Galleria Borghese. The splendid collection of a noble family, catalogo della mostra (Kyoto, National Museum of Modern Art, 2009; Tokyo, Metropolitan Art Museum, 2010), a cura di R. Vodret Adamo, Kyoto 2009, n. 36;
  • M. Gregori, Federico Zeri e la natura morta, in Prospettiva Zeri, a cura di A. Ottani Cavina, Torino 2009, p. 168;
  • A. Ottani Cavina in Federico Zeri, dietro l’immagine. Opere d’arte e fotografia, catalogo della mostra (Bologna, Museo Civico Archeologico, 2009-2010), a cura di A. Ottani Cavina, Torino 2009, pp. 84-86, n. XV.a;
  • A. Cottino, Riesaminando il Maestro di Hartford. Riflessioni a margine di mostre e convegni, in “Valori tattili”, 00, 2011, pp. 25-33;
  • A. Bacchi, F. Mambelli, E. Sambo (a cura di), La natura morta di Federico Zeri, Bologna 2015, pp. 20-22;
  • D. Bussolari, Le opere del Maestro di Hartford attraverso le indagini diagnostiche, in L’origine della natura morta in Italia. Caravaggio e il Maestro di Hartford, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2016-2017), a cura di A. Coliva, D. Dotti, Milano 2016 pp. 279-289;
  • D. Dotti, Il mistero irrisolto del Maestro di Hartford, in L’origine della natura morta in Italia. Caravaggio e il Maestro di Hartford, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2016-2017), a cura di A. Coliva, D. Dotti, Milano 2016, pp. 123-143;
  • D. Dotti, in L’origine della natura morta in Italia. Caravaggio e il Maestro di Hartford, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2016-2017), a cura di A. Coliva, D. Dotti, Milano 2016, pp. 226-228, n. 11;
  • M. Minozzi, La natura morta nel sequestro Borghese e negli inventari della Galleria, in L’origine della natura morta in Italia. Caravaggio e il Maestro di Hartford, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2016-2017), a cura di A. Coliva, D. Dotti, Milano 2016, pp. 166-117;
  • N. Roio, Caravaggio, il problema del “Maestro della natura morta di Hartford” e il possibile ruolo dei siciliani Mario Minniti e Pietro D’Asaro, in L’Arte di vivere. Scritti in onore di Claudio Strinati, a cura di P. Di Loreto, Roma 2018, pp. 383-394.
  •