Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Concerto

Spada Lionello

(Bologna 1576 - Parma 1622)

Il dipinto, confluito nella raccolta Borghese nella seconda metà del Settecento, fu eseguito dall’artista bolognese Lionello Spada probabilmente intorno al 1615, poco dopo il rientro nella sua città natale da un soggiorno a Malta e forse anche a Roma. L’opera risente della lezione caravaggesca, come dimostra la resa naturalistica, ma rielaborata in chiave meno drammatica e con uno spiccato gusto per il dettaglio.

Nonostante il tradizionale titolo Concerto, la scena rappresenta il momento precedente alla vera e propria esibizione, durante il quale il maestro distribuisce gli spartiti ai musicisti intenti ad accordare i propri strumenti.


Scheda tecnica

Inventario
041
Posizione
Datazione
1615 circa
Tipologia
Periodo
Materia / Tecnica
olio su tela
Misure
cm 138 x 177
Cornice

‘800 (con kymation, listello e perline) cm. 171 x 210 x 13,5

Provenienza

Roma, collezione Maffeo Barberini (?), 1623; Roma, collezione Camillo Pamphilj, 1743; Roma, collezione Borghese, 1769; Roma, collezione Pietro Camuccini, 1816; Inventario Fidecommissario 1833, p. 14, n. 43. Acquisto dello Stato, 1902.

Mostre
  • 1953-1954 Roma, Palazzo Braschi
  • 1959 Bologna, Biennale d’Arte Antica
  • 1985 Roma, Museo Nazionale di Palazzo Venezia
  • 1999-2000 Madrid, Museo Nacional del Prado; Bilbao, Museo de Bellas Artes
  • 2000-2001 Roma, Palazzo Barberini; Siena, Santa Maria della Scala
  • 2007 Tokyo, National Museum of Western Art
  • 2018 Richmond, Museum of Fine Arts
Conservazione e Diagnostica
  • 1913 Riccardo Buttinelli (pulitura)
  • 1945 Carlo Matteucci (pulitura, integrazione delle lacune)
  • 2011 Emmebi (indagini diagnostiche)
  • 2011 Nicoletta Naldoni (restauro)

Scheda

Il dipinto è attestato nella collezione Borghese a partire dall’elenco fidecommissario del 1833, dove è descritto come “Concerto di musica, di Leonello Spada, largo palmi 8, alto palmi 6, oncie 4”.

Non si conoscono dati certi sulla provenienza del quadro, di cui è emersa la possibile corrispondenza con una “Musica” di Lionello Spada nell’inventario di Maffeo Barberini del 1623, anno della salita al soglio pontificio con il nome di Urbano VIII (Negro, Roio 2002, p. 126, n. 58).

Tuttavia in anni recenti Andrea De Marchi ha chiarito la modalità dell’ingresso del quadro nella collezione Borghese, avvenuto a causa dell’errato coinvolgimento nel contenzioso sorto nel tardo Seicento tra i Borghese e i Pamphilj in merito all’eredità Aldobrandini.

Il dipinto, ritenuto parte di quella controversia, fu assegnato ai Borghese, confluendo per questa via nella raccolta di famiglia negli anni Sessanta del Settecento, ma la sua estraneità alla vicenda emerge chiaramente dall’inventario Pamphilj del 1747, dove è citato un quadro con “varie figure che fanno concerto di musica, opera di Lionello Spada napolitano […] lasciato legato al sudetto Principe Camillo dal cardinale della Mirandola nell’anno 1743” (cit. in De Marchi 2014, p. 243, nota 6).

Le vicende collezionistiche del Concerto non si esauriscono con il suo trasferimento ai Borghese, data la recente ricostruzione di un ulteriore passaggio di mani attestato nei documenti del mercante d’arte Pietro Camuccini. Dall’analisi del registro commerciale e delle ricevute di compravendita emerge infatti che Camuccini avesse acquistato il Concerto nel 1816 da un altro personaggio attivo sul mercato romano, per poi rivenderlo al principe Camillo.

Il dipinto dovette quindi essere alienato dai Borghese alla fine del Settecento, verosimilmente durante i difficili anni della Repubblica Romana, e finì, tramite uno o più passaggi ulteriori, nelle mani di Camuccini, da cui successivamente Camillo lo riacquisì. Nello stesso periodo, anche altri quadri della raccolta Borghese furono oggetto di simili passaggi (alienazione e successiva riacquisizione), lasciando emergere la tendenza di Camillo a ricomprare, laddove possibile, le stesse opere già immesse sul mercato quando la sua famiglia fu costretta a sopperire alle difficoltà legate a quel particolare momento storico (Puddu 2017/18, pp. 176-182).

La cronologia generalmente accettata per la realizzazione dell’opera oscilla intorno alla metà degli anni Dieci, dopo il rientro dell’artista a Bologna, sua città natale, successivamente ad un viaggio a Malta (1609-1610) e ad un presunto soggiorno a Roma (Bonfait 1988, pp. 358-359; Loire 1996, pp. 346-351; Negro, Roio 2002, p. 126, n. 58).

Nonostante il titolo tradizionalmente assegnato all’opera, la scena rappresenta il momento precedente al concerto vero e proprio, durante il quale i musicisti accordano i loro strumenti sulla scorta delle indicazioni del maestro, visibile sulla destra nell’atto di consegnare ad ognuno gli spartiti. I personaggi, numerosi e ravvicinati tra loro, tendono a sovrapporsi entro lo spazio della tela, in un’atmosfera concitata e quasi caotica tipica di una sorta di “prova d’orchestra”.

Il contatto con l’opera caravaggesca è evidente nella tendenza al naturalismo, che tuttavia l’artista declina in un’accentuata carica espressiva dei personaggi e in un gusto per il dettaglio da cui deriva una sovrabbondanza di elementi decorativi. L’artista ritrae con immediatezza un brano della vita sociale dell’epoca, soprattutto grazie alla resa minuziosa dei costumi e alla restituzione fedele della prassi musicale (Economopoulos 2000, p. 168; Pirondini 2002, p. 41; Quagliotti 2007, p. 97).

Il dipinto si presta anche ad una interpretazione allegorica secondo cui le figure di musici e cantori di diversa età rappresenterebbero le diverse fasi della vita in rapporto all’esperienza amorosa, in linea con associazioni tematiche diffuse nella pittura veneta ed emiliana del Cinquecento. Dal giovane all’estrema destra del dipinto, che per il suo ruolo marginale sembra non essere ancora stato iniziato alla musica, e quindi all’amore, fino al più maturo maestro che distribuisce gli spartiti, metafora della sua conoscenza (Economopoulos cit.).

Lionello Spada affrontò il tema del concerto anche in un altro dipinto eseguito per il cardinale Ludovico Ludovisi, successivamente appartenuto al re di Francia Luigi XIV ed oggi conservato al Louvre di Parigi. Di simili dimensioni rispetto alla tela Borghese ed eseguita in un momento ad essa ravvicinato, questa seconda versione appare più equilibrata nella composizione, con soli quattro personaggi invece di sette, e più armonica dal punto di vista del movimento e della carica decorativa dei dettagli (Negro, Roio cit.).

 

Pier Ludovico Puddu




Bibliografia
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese in Archivio Galleria Borghese, 1891, p. 197.
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 55.
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I, La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 180.
  • A. De Rinaldis, Catalogo della Galleria Borghese, Roma 1948, p. 23.
  • P. Della Pergola, Itinerario della Galleria Borghese, Roma 1951, p. 41.
  • Catalogo della mostra corelliana, (Roma, Palazzo Braschi, 1953-1954), a cura del Comitato per la celebrazione del III centenario della nascita di Arcangelo Corelli, Roma 1953, p. 29.
  • P. Della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, I, Roma 1955, p. 69, n. 122.
  • M. Calvesi, in Maestri della Pittura del Seicento Emiliano, catalogo della mostra (Bologna, Biennale d’Arte Antica, 1959), a cura di F. Arcangeli, Bologna 1959, pp. 93-95, n. 38.
  • P. Egan, “Concert” scenes. Musical Paintings of the Italian Renaissance, New York 1961, p. 195, nota 43.
  • V. Golzio, Storia dell’Arte Classica e Italiana. Seicento e Settecento, Torino 1960, I, p. 714.
  • R. Spear, Caravaggio and his followers, Cleveland 1971, pp. 166-167.
  • F. Frisoni, Leonello Spada, in “Paragone”, CCXC, 1975, pp. 53-79.
  • B. Nicolson, The International Caravaggesque movement, Oxford 1979.
  • Frescobaldi e il suo tempo nel quarto centenario della nascita, catalogo della mostra (Ferrara, Galleria Civica d’Arte Moderna; Ferrara, Pinacoteca Nazionale, 1983), a cura di L. Spezzaferro, Venezia 1983.
  • F. Trinchieri Camiz, in Cinque secoli di stampa musicale in Europa, catalogo della mostra (Roma, Museo Nazionale del Palazzo di Venezia, 1985) a cura di E.
  • Zanetti, Napoli 1985, p. 274, n. 8.22.
  • E. Boissard, Chantilly, Musée Condé: peintures de l’école italienne, Paris 1988, p. 321, n. 145.
  • O. Bonfait, in Seicento: le siècle de Caravage dans les collections françaises, catalogo della mostra (Parigi, Galeries Nationales d’Exposition du Grand Palais; Milano, Civico Museo d’Arte Contemporanea, 1988-1989), a cura di A. Brejon de Lavergnée, N. Volle, Parigi 1988, pp. 358-359, n. 145.
  • B. Nicolson, Caravaggism in Europe, ed. a cura di L. Vertova, Torino 1989, p. 179.
  • F. Frisoni, Lionello Spada, in La scuola dei Carracci. Dall’Accademia alla bottega di Ludovico, a cura di E. Negro, Modena 1994, pp. 266-274.
  • S. Loire, Musée National du Louvre. École italienne, XVIIe siècle. I. Bologne, Paris 1996, pp. 346-351.
  • S. Macioce, Leonello Spada a Malta. Nuovi documenti, in “Storia dell’Arte”, LXXX, 1994, pp. 54-58.
  • C. Stefani, in P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 309, n. 23.
  • H. Economopoulos, in Colori della musica: dipinti, strumenti e concerti tra Cinquecento e Seicento, catalogo della mostra (Roma, Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini; Siena, Santa Maria della Scala, 2000-2001), a cura di A. Bini, C. Strinati, R. Vodret, Ginevra 2000, pp. 168-169, n. 27.
  • E. Negro, N. Roio, in Leonello Spada (1576-1622), a cura di M. Pirondini et alii, Manerba 2002, p. 126, n. 58.
  • M. Pirondini, Leonello Spada, in Leonello Spada (1576-1622), a cura di M. Pirondini et alii, Manerba 2002, p. 41.
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 18.
  • C. Quagliotti, in Parma. Grazia e affetti, natura e artificio. Protagonisti dell’arte da Correggio a Lanfranco, catalogo della mostra (Tokyo, National Museum of Western Art, 2007), a cura di M. Takanashi, L. Fornari Schianchi, Tokyo 2007, p. 97, n. V-16.
  • S. Macioce, Leonello Spada, in A. Zuccari (a cura di), I caravaggeschi. Percorsi e protagonisti, II, Milano 2010, pp. 693.
  • A.G. De Marchi, Il fascino dell’esotico in un bastimento di quadri per Camillo Pamphilj junior, in “Bollettino d’arte”, ser. 7, anno 99, XXII-XXIII, 2014, pp. 237-246.
  • P.L. Puddu, Pietro Camuccini (1760-1833). Mercato e collezionismo di dipinti nella Roma napoleonica e della Restaurazione, tesi di dottorato, Sapienza Università di Roma, a.a. 2017/18, pp. 179, 181-182.
  • E. Ghetti, ad vocem Lionello Spada, in Dizionario Biografico degli Italiani, XCIII, 2018, p. 458.