Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Ara consacrata alla Fortuna Salutare

Arte romana


L’ara è ricordata nel 1700 dal Montelatici nei magazzini della Villa Borghese, dove rimane custodita fino al 1832 quando risulta menzionata nella sua attuale collocazione nel Portico.

La scultura quadrangolare presenta un’articolata modanatura nelle estremità superiore e inferiore; sui fianchi sono raffigurati gli utensili dei sacrifici rituali, una patera e una piccola brocca. La faccia anteriore riporta l’iscrizione dedicata alla Fortuna Salutare, venerata presso i Romani come divinità tutelare del destino degli uomini.

La scultura è databile indicativamente tra il I e il II secolo d.C.


Scheda tecnica

Inventario
CLXVIIIa
Posizione
Datazione
I-II secolo d.C.
Tipologia
Materia / Tecnica
marmo di Luni
Misure
altezza cm 79; larghezza cm 61; profondità cm 58; altezza lettere cm 5,5-5,8
Provenienza

Collezione Borghese, citata per la prima volta da Montelatici nelle “stanze sotterranee” (1700, p. 309). Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, C., p. 42, n. 13. Acquisto dello Stato, 1902.

Iscrizioni

FORTUNAE

SALUTARI

SACRUM

Restauri e Indagini diagnostiche
  • 1994-95 Abacus di Nicoletta Naldoni e G. Tautschnig
  • 2008 Consorzio Capitolino di Elisabetta Zatti ed Elisabetta Caracciolo

Scheda

L’ara, di forma quadrangolare, presenta un basamento composto inferiormente da uno zoccolo articolato in un listello, una gola rovescia, un tondino e una fascia lavorata grossolanamente a gradina. La modanatura del coronamento è costituita da un listello, sotto il quale è presente una gola dritta seguita da un listello e da un cavetto, distinto inferiormente da un gradino. Sul lato anteriore il campo epigrafico è incorniciato a partire dall’esterno da un listello, da una gola rovescia e da un gradino. L’iscrizione funeraria su tre righe è dedicata alla personificazione della Fortuna:

FORTUNAE

SALUTARI

SACRUM

Sui fianchi destro e sinistro si conservano rispettivamente la patera, una tazza per le libagioni, e un urceus, una piccola brocca.

L’ara è ricordata dal Montelatici nel 1700 nelle “Stanze sotterranee” (p. 309). Nell’Inventario del 1762 è indicata a sostegno di una “Fortuna a sedere senza braccie” (pp. 207-208). Il Nibby nel 1832 la cita, per primo, esposta nel Portico della Villa Borghese (pp. 10-11). Sino al 1873 sosteneva la statua di Mercurio seduto con accanto una tartaruga mentre nel 1893 il Venturi vi menziona sopra il frammento di una statua di Apollo (Indicazione 1854 (1873), p. 5 n. 2; Venturi 1893, p. 9). Particolarmente diffuso presso i Romani era il culto della dea Fortuna, la quale era venerata come personificazione della forza che guida e determina la sorte degli uomini, distribuendo felicità, benessere e ricchezza. Il Nibby ricorda un’orazione di Plutarco, “De Fortuna Romanorum”, dedicata proprio a tale dea (pp. 10-11). La scultura si può indicativamente inquadrare tra il primo e il secondo secolo d.C.

Giulia Ciccarello




Bibliografia