Galleria Borghese logo
Search results for
X
No results :(

Hints for your search:

  • Search engine results update instantly as soon as you change your search key.
  • If you have entered more than one word, try to simplify the search by writing only one, later you can add other words to filter the results.
  • Omit words with less than 3 characters, as well as common words like "the", "of", "from", as they will not be included in the search.
  • You don't need to enter accents or capitalization.
  • The search for words, even if partially written, will also include the different variants existing in the database.
  • If your search yields no results, try typing just the first few characters of a word to see if it exists in the database.

The Alba Madonna

copy after Sanzio, Raphael

(Urbino 1483 - Rome 1520)

The work is a Roman school copy of the Virgin and Child with the Infant Saint John the Baptist, known as the Alba Madonna, painted by Raphael in 1511. In the collection of the Duke of Alba between the end of the eighteenth and the beginning of the nineteenth century, the original is now in the National Gallery of Art, Washington.

Object details

Inventory
424
Location
Date
Prima metà del secolo XVI
Classification
Period
Medium
oil on panel
Dimensions
diam. cm 94
Frame

‘800 (con corone d’acanto angolari) diametro cm 135, spessore cm 7,7

Provenance
Text not translated yet

Roma, collezione cardinale Scipione Borghese, Inv. 1633 circa, n. 246; Inv. 1790, St. X, n. 12; Inventario Fidecommissario Borghese 1833, p. 22, n. 1. Acquisto dello Stato, 1902.

Exhibitions
  • 1984 Roma, Palazzo Venezia

Commentary

Il dipinto corrisponde ad una copia di autore ignoto della celebre Madonna di Casa d’Alba di Raffaello, datata ai primi anni del soggiorno romano dell’artista e attestata alla fine del Settecento nelle collezioni del Duca d’Alba a Madrid, dal quale prese il nome. Successivamente acquistata dallo zar Nicola I di Russia e confluita nella raccolta dell’Ermitage a San Pietroburgo, l’opera fu poi ceduta dal governo sovietico al collezionista americano Andrew W. Mellon e da lui donata alla National Gallery of Art di Washington, dove tuttora si conserva. Il soggetto godette di grande fortuna, come testimoniato dalle numerose repliche note.

La composizione, ambientata in un contesto paesaggistico, è impostata sulla figura centrale della Vergine, abbigliata con una veste rossa e un manto blu, seduta in terra e con un libro nella mano sinistra. Il Bambino, rappresentato nudo in braccio alla madre, è nell’atto di afferrare la croce dalle mani di San Giovannino, in un evidente richiamo allegorico al destino della Passione.

Nonostante la genericità delle descrizioni inventariali che caratterizzano solitamente soggetti ampiamente diffusi come la Madonna col Bambino e San Giovannino, in questo caso è possibile collegare la tavola Borghese ad una voce dell’elenco dei beni di Scipione Borghese, dalla critica datato al 1633 circa (si veda S. Pierguidi, “In materia totale di pitture si rivolsero al singolar Museo Borghesiano”, in “Journal of the history of collections”, XXVI, 2014), così descritta: “Un tondo la Madonna con il figliolo e san Giovannino, la Madalena con il libro in mano cornice lavorata, e dorata, alto 3 ¾ . Copia di Rafaelle in tavola” (Corradini 1998, p. 455, n. 246). Data la corrispondenza del formato, delle misure e del particolare del libro, è probabile che l’estensore dell’inventario abbia erroneamente sostituito la Madonna con la “Madalena” nella descrizione del dipinto (Minozzi 2006, p. 108, nota 14). Accogliendo tale corrispondenza, è possibile affermare che il quadro confluì precocemente nella raccolta Borghese, ancor prima del 1650, anno di pubblicazione della guida alla Villa Pinciana redatta dal Manilli, in cui Della Pergola individua due possibili riferimenti al dipinto (Della Pergola 1959, p. 121; si veda anche Barberini 1984, pp. 53-54; Minozzi 2006, p. 106). Successivamente, la tavola è stata individuata nell’inventario del 1790 e ancora in quello fidecommissario del 1833, in quest’ultimo con l’attribuzione alla scuola di Raffaello.

Definita da Venturi (1893, p. 200) “una cattiva copia” dell’originale dell’Urbinate, l’opera è ritenuta una replica antica, probabilmente del tempo stesso del maestro o di poco posteriore (Piancastelli 1891, p. 301; Cantalamessa 1911-1912, n. 424; Longhi 1928, p. 218).

Pier Ludovico Puddu




Bibliography
  • J. D. Passavant, Raphaël d’Urbin et son père Giovanni Santi, II, Paris 1860, p. 106;
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese, in Archivio Galleria Borghese, 1891, p. 301;
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 200;
  • J.A. Rusconi, La Villa, il Museo e la Galleria Borghese, Bergamo 1906, p. 91;
  • G. Cantalamessa, Note manoscritte al Catalogo di A. Venturi del 1893, Arch. Gall. Borghese, 1911-1912, n. 424;
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I, La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 218;
  • P. Della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, II, Roma 1959, p. 121 n. 171;
  • L. Dussler, Raphael. A Critical Catalogue of his Pictures, Wall-Paintings and Tapestries, London 1971, p. 36;
  • G. Barberini, in Raffaello nelle raccolte Borghese, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 1984), a cura di Roma 1984, pp. 53-54;
  • S. Corradini, Un antico inventario della quadreria del Cardinal Borghese, in Bernini scultore: la nascita del barocco in Casa Borghese, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 1998), a cura di A. Coliva, S. Schütze, Roma 1998, p. 455, n. 246;
  • J. Meyer zur Capellen, Raphael. A Critical Catalogue of his Paintings, II, The Roman Religious Paintings, ca. 1508-1520, Landshut 2005, p. 88, n. 50, II.17;
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 139;
  • M. Minozzi, Note sui dipinti di Raffaello nella collezione Borghese, in Raffaello da Firenze a Roma, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 2006), a cura di A. Coliva, Milano 2006, pp. 104, 106.