Galleria Borghese logo
Search results for
X
No results :(

Hints for your search:

  • Search engine results update instantly as soon as you change your search key.
  • If you have entered more than one word, try to simplify the search by writing only one, later you can add other words to filter the results.
  • Omit words with less than 3 characters, as well as common words like "the", "of", "from", as they will not be included in the search.
  • You don't need to enter accents or capitalization.
  • The search for words, even if partially written, will also include the different variants existing in the database.
  • If your search yields no results, try typing just the first few characters of a word to see if it exists in the database.

Stigmatised Saint Francis of Assisi in a Glory of Angels

Carracci Agostino

Bologna 1557 - Parma 1602)

This canvas has been in the Borghese collection since 1693. It is generally mentioned as a work by Carracci. It depicts Saint Francis of Assisi, who stands with open arms contemplating the image of a crucifix, which appeared to him in the heavens amid a glory of angels.

The saint is portrayed here with his typical iconographic attributes: the habit, the stigmata, the crown of the Rosary, the book and a skull, a typical memento mori alluding to the transience of life and the vanity of earthly things.


Object details

Inventory
066
Location
Classification
Period
Medium
oil on canvas
Dimensions
cm 141 x 110
Frame
Cornice ottocentesca decorata con palmette
Provenance
Text not translated yet

Roma, collezione Borghese, 1693 (Inv. 1693, St. I, n. 2; Della Pergola 1955); Inv. 1790, St. X, n. 53; Inventario Fidecommissario, 1833, p. 10; Acquisto dello Stato, 1902.

Exhibitions
  • 2009-2010 Kyoto, National Museum of Modern Art.
Restorations
  • 1964 Renato Massi (doratura della cornice);
  • 2002-2003 Andrea Parri (disinfestazione e consolidamento della cornice);
  • 2009 Matteo Rossi Doria (restauro completo del dipinto).

Scheda

Il dipinto è segnalato per la prima volta in collezione Borghese nel 1693, descritto nell'inventario di quell'anno come "un quadro di S. Francesco con la gloria et una testa di morto con cinque angeli [...] tela d'imperatore con sua cornice dorata del Carracci". La tela, senza una precisa attribuzione, fu inventariata nel 1790 come opera di Agostino Carracci, nome mutato con quello di Annibale nel 1833 ma scartato sia da Giovanni Piancastelli (1891), sia da Adolfo Venturi (1893) che preferirono catalogare il quadro come anonimo carraccesco. Pur mantenendo l'esecuzione dell'opera nell'ambito della bottega dei Carracci, Roberto Longhi (1928) la avvicinò ad Annibale, parere non condiviso né da Heinrich Bodmer (1939), che optò per Ludovico; nè da Paola della Pergola, che come per La morte di santa Caterina da Siena (inv. 58), propose il nome di Agostino. Secondo la studiosa, infatti, le affinità di stile, di colore e di gusto che questo ultimo dipinto condivide con la tela in esame fanno pensare senza riserva alla stessa mano, giudizio accolto positivamente dalla critica (cfr. Herrmann Fiore 2006).

  Antonio Iommelli




Bibliography
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese, in Archivio Galleria Borghese, 1891, p. 185; 
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 68; 
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I, La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 182; 
  • H. Bodmer, Ludovico Carracci, Burg 1939, p. 142; 
  • C.A. Petrucci, Catalogo generale delle Stampe tratte dai rami incisi posseduti dalla Calcografia Nazionale, Roma 1953, pp. 111, 144; 
  • P. della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, I, Roma 1955, p. 19, n. 12; 
  • P. della Pergola, L’Inventario Borghese del 1693 (I), in “Arte Antica e Moderna”, XXVI, 1964, p. 220; 
  • S.E. Ostrow, Agostino Carracci, tesi di dottorato (New York University), New York 1966, p. 434; 
  • R. Longhi, Saggi e ricerche 1925-28. Precisioni nelle gallerie italiane. La Galleria Borghese, Firenze 1967, p. 335; 
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 27.