Galleria Borghese logo
Search results for
X
No results :(

Hints for your search:

  • Search engine results update instantly as soon as you change your search key.
  • If you have entered more than one word, try to simplify the search by writing only one, later you can add other words to filter the results.
  • Omit words with less than 3 characters, as well as common words like "the", "of", "from", as they will not be included in the search.
  • You don't need to enter accents or capitalization.
  • The search for words, even if partially written, will also include the different variants existing in the database.
  • If your search yields no results, try typing just the first few characters of a word to see if it exists in the database.

Fantastic landscape

Bril Paul (?)

(Antwerp 1554 - Rome 1626)

Attributed with reservations to Paul Brill, the painting portrays a nocturnal landscape with a small river port on the left in the background. In any case, the dramatic light-shadow contrast evident in the tree in the middle points to the Flemish landscape painters active in Rome together with Brill, whom Scipione Borghese must have admired.

Object details

Inventory
013
Location
Date
ultimo decennio del XVI secolo
Classification
Period
Medium
oil on canvas
Dimensions
cm 78 x 106
Frame
Cornice ottocentesca decorata con palmette angolari
Provenance
Text not translated yet
(?) Roma, cardinale Scipione Borghese, 1607 (Della Pergola 1959, p. 153); Inv. 1693, St. XI, nn. 100, 128; Inventario Fidecommissario, 1833, pp. 15, 26; Acquisto dello Stato, 1902.

Scheda

La provenienza di questo dipinto non è ancora chiara. Secondo Paola Della Pergola (1959, p. 153) poteva far parte del gruppo delle opere sequestrate dai fiscali di Paolo V a Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d'Arpino, tra le quali figuravano certamente alcuni paesaggi, impossibili da identificare. 

La prima notizia certa su questa tela risale all'inventario del 1693 in cui l'opera è descritta come "un quadro di tre palmi e mezzo incirca bislongo una campagna con un Paesino del n. 583", numero tuttora visibile in basso a sinistra. L'estensore del documento assegnò la pittura a Paul Bril, nome ripetuto anche nell'Inventario Fidecommissario del 1833 che, a differenza del Paesaggio con tempio classico e cacciatore (inv. 12), considerò la tela un autografo. Nel 1893 Venturi (pp. 28, 36) giudicò questo paesaggio e gli altri tre dipinti, assegnati in precedenza al pittore belga (invv. 12-18-19) "deboli pitture, da ascriversi piuttosto ad un seguace", parere condiviso successivamente sia da Longhi (1928, p. 76), sia da Della Pergola (1959, p. 154) che, tenendo conto dello stile, parlò di bottega di Bril, escludendo pertanto la sua piena autografia.

Nel 1980, Gerszi ha riferito quest'opera e il Paesaggio con tempio classico e cacciatore (inv. 12) al pittore Frederik van Valckenborch, artista belga presente in Italia insieme al fratello Gillis a partire dal 1590-1592, fissandone l'esecuzione tra il 1595-1596. Tale parere, accolto da Francesca Cappelletti (2005-2006), non è stato preso in considerazione da Kristina Herrmann Fiore che nel 2006 ha pubblicato la tela come Paul Bril e aiuto.

  Antonio Iommelli




Bibliography
  • S. Francucci, La Galleria dell’Illustrissimo e Reverendissimo Signor Scipione Cardinale Borghese cantata in versi [1613], Arezzo 1647, St. 126-127; 
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese in Archivio Galleria Borghese, 1891, pp. 381-3; 
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, pp. 28, 36; 
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I: La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 176; 
  • L. van Puyvelde, La Peinture Flamande à Rome, Bruxelles 1950, p. 76; 
  • P. Della Pergola, Itinerario della Galleria Borghese, Roma 1951, pp. 13, 17; 
  • P. Della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, II, Roma 1959, p. 153, n. 216;
  • D. Bodart, Les peintres des Pays-Bas méridionaux et de la principauté de Liège à Rome au XVIIème siècle, Bruxelles-Roma 1970, p. 228; 
  • K. Herrmann Fiore, in Paesaggio con figura, catalogo della mostra (Roma, Palazzo Venezia, 1985), Roma 1985, pp. IX-XI, n. 36;
  • T. Gerszi, Neuere Aspekte der Kunst Frederik van Valckenborchs, “Jahrbuch der Berliner Museen”, 32, 1990, pp. 173-189, in part. pp. 182-183; 
  • L. Pijl, Paintings by Paul Bril in collaboration with Rottenhammer, Elsheimer and Rubens, in "The Burlington Magazine", CXXXX, 1998, pp. 660-667;
  • L. Pijl, Figure nd Landscape: Paul Bril’s collaboration with Hans Rottenhammer and other figure painters, in Fiamminghi a Roma 1508-1608, atti del convegno (Utrecht 1995), a cura di S. Eiche, G.J. Van der Sman, J. van Waadenijen, Firenze 1999, pp. 79-91;
  • P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 144; 
  • K. Herrmann Fiore, Caravaggio e la quadreria del Cavalier d’Arpino, in Caravaggio: la luce nella pittura lombarda, catalogo della mostra (Bergamo, Accademia Carrara di Belle Arti, 2000), a cura di C. Strinati e R. Vodret, Milano 2000, p. 69; 
  • F. Cappelletti, Paul Bril e la pittura di paesaggio a Roma (1580-1630), Roma 2005-2006, p.179, n. 38;
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 11;
  • R.L. Wood, Landscape in Rome: Adam Elsheimer and Paul Bril, in Adam Elsheimer in Rom, a cura di A. Thielemann, S. Gronert, München 2008, pp. 51-70.