Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Gruppo di amazzone con due greci

Arte romana


Il gruppo scultoreo raffigura il combattimento tra un’Amazzone, vestita di una corta clamide che lascia il seno destro scoperto e un elmo crestato sul capo, e due uomini. Questi ultimi, travolti dal possente slancio del cavallo condotto dalla guerriera, sono ritratti al suolo.

Rinvenuta, probabilmente, nel 1610 nella Villa di Nerone ad Anzio si ritrova, già nel 1613, collocata nel Palazzo Borghese di Borgo. Nella Villa è presente, esposta nel II Recinto nella zona dell’Elceto, nel 1650. Dal medesimo contesto imperiale proviene un secondo gruppo di soggetto analogo nel 1932, oggi al Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo alle Terme, che doveva originariamente costituire un pendant di quello Borghese.

I numerosi studi concordano nell’individuare nella scultura una replica di età antonina di un archetipo ellenistico di ambiente pergameno.

Opera collocata nel passaggio tra le sale XV e XVI.


Scheda tecnica

Inventario
CCXLV
Posizione
Datazione
metà II secolo d.C.
Tipologia
Materia / Tecnica
marmo bianco
Misure
altezza senza la testa cm 108
Provenienza

Rinvenuto, probabilmente, nella Villa di Nerone ad Anzio nel 1610 (Moreno 1975-1976, pp. 126-127, tav. XX, fig. 1); Collezione Borghese, ricordato nel 1613 nel Palazzo Borghese a Borgo (Francucci, folio 124v-126r, strofe 431-437) e nel II Recinto della Villa, nella zona dell’Elceto, nel 1650 (Manilli 1650, p. 123); Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, C., p. 46, n. 76. Acquisto dello Stato, 1902.

Mostre
  • 2014: Roma, Museo Nazionale Romano, Palazzo Altemps
Restauri
  • 1827 - Antonio D’Este: nella figura dell’Amazzone sono moderni la testa, il braccio sinistro e la mano destra con l’arma; nel cavallo l'orecchio destro, le parti pendenti delle redini e la coda; nel guerriero inginocchiato la parte anteriore della cresta dell’elmo, il braccio sinistro, parte della gamba sinistra e infine, nel guerriero sotto il cavallo il naso, il braccio destro, il piede sinistro con parte della gamba.
  • 1909 - Innocenzo Anselmo (?): "allustrato lo zoccolo, la base e la cimasa del gruppo dell'amazzone nel centro del Salone" (si intende la sala XIV)
  • 1931 - Andrea Ruggeri
  • 1996 - Liana Persichelli

Scheda

Il gruppo scultoreo proviene, probabilmente, dagli scavi della Villa di Nerone ad Anzio, rinvenuto nel 1610 (Moreno 1975-1976, pp. 126-127, tav. XX, fig. 1). Giovanni Demisiani riporta la notizia, in un trattato dedicato a Scipione Borghese, il "Discorso sopra quattro statue dell'Ill.mo Sig.r Cardinale Borghese", interpretando le figure come Pentesilea mentre combatte i greci Lernos e Podarkes (Archivio Apostolico Vaticano, Fondo Borghese II, s.d., 468, fol. 43-66). La De Lachenal individua, invece, la scultura negli inventari della famiglia della Porta, datati circa al 1607, dove è definita come: “un cauallo ed una femina sopra: di una amanzona con un morto sotto al cauallo. alt. p. 7 1/2” (Appendice, V a, n. 233) o anche “Cavallo con femina amazzone ed uno sotto il cavallo, p. 7 1/4" (Appendice , V b, n. 196). L’opera, secondo l’autrice, trova altresì riscontro nell’inventario delle antichità fatto redigere da papa Paolo V nel 1610 alla morte del fratello Giovambattista Borghese, al numero 67: “Tomiri Regina de’ Massagati a cavallo con il Tiranno sotto (De Lachenal 1982, pp. 67-68).

Nel 1613 è ricordato nel poemetto di Scipione Francucci nel Palazzo Borghese di Borgo (folio 124v-126r, strofe 431-437) e nel 1650 dal Manilli nel II Recinto della Villa presso l’Elceto “una Amazone, in atto di combattere; & hà sotto ‘l corpo del cavallo un Soldato; e trà le zampe dinanzi un altro, che le stà chiedendo mercede” (p. 123). Il Montelatici precisa la collocazione tra l’edificio delle stalle e il fienile (1700, p. 66).

Nel 1827 si ritrova citato come “Gruppo di Camilla”, proveniente dal Recinto del Lago, in una missiva del Ministro Evasio Gozzani destinata al Principe Camillo Borghese, nella quale vengono enumerate le opere da collocarsi all’interno delle sale dopo lo spolio Napoleonico. Il restauro è assegnato allo scultore Antonio D’Este (Archivio Apostolico Vaticano, Archivio Borghese, b. 7457: Moreno, Sforzini 1987, p. 354). All’interno della Villa è menzionato nel 1832 dal Nibby al centro della sala II come “combattimento di Antiope, che altri chiamano Ippolita l’amazone contro Ercole e Teseo, che andarono all’assalto di Temiscira sul Termodonte“ (p. 66). Successivamente la scultura è spostata nella sala XIV - la cosiddetta Loggia di Lanfranco - dove risulta nel 1893 (Venturi, p. 49) e infine nella sua attuale collocazione, nel passaggio tra la sala XV e la XVI, in occasione del ritorno dalla mostra “La Gloria dei vinti. Pergamo. Atene. Roma”, svoltasi nel 2014 nel Museo Nazionale Romano a Palazzo Altemps (Coarelli 2014).

Il gruppo raffigura il combattimento tra un’amazzone a cavallo e due guerrieri caduti. La donna, rivolta verso sinistra, indossa una corta clamide che le lascia scoperto il seno destro. Sul capo è un elmo crestato, dal quale fuoriescono dei corposi riccioli che scendono sul collo. Il braccio destro, piegato all’indietro, sostiene nella mano un’arma che si conserva parzialmente; il sinistro, flesso in avanti, nella mano doveva trattenere un oggetto attualmente perduto. Assecondando il movimento impetuoso dell’amazzone, il cavallo, brigliato, è raffigurato in posizione rampante, con le zampe anteriori sollevate. Sotto di esse è una figura maschile che poggia a terra con il ginocchio e la mano destra mentre e la gamba sinistra è stesa ad assicurare l’equilibrio. Indossa un mantello che gli cinge il collo e discende sulla spalla destra. Il capo è coperto da un elmo crestato. Il braccio sinistro, proteso in un gesto di difesa, doveva sorreggere un oggetto non conservato, probabilmente uno scudo mentre nella mano destra, stretta a pugno una spada, di cui si conserva parte dell’elsa tra le dita. Il secondo giovane, caduto sotto la pancia dell’animale, è nudo a eccezione di un elmo. Nella mano trattiene anch’egli l’elsa di una spada.

La scultura presenta delle forti analogie con un gruppo similare rinvenuto nel 1932 nel medesimo contesto imperiale ad Anzio e conservato oggi nel Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo alle Terme, raffigurante un’amazzone a cavallo con un galata caduto al suolo (De Lachenal 1979, pp. 162-164, n. 111). Il Coarelli ipotizza che i due gruppi costituissero un insieme simmetrico con indirizzo convergente e li ritiene una rielaborazione romana di carattere decorativo derivante da archetipi ellenistici di ambiente pergameno. In particolare, lo studioso, riprendendo l’ipotesi già avanzata dalla Palma (1981, p. 74, n. 15; 1984, pp. 772-782), suggerisce una ispirazione al Piccolo Donario fatto erigere da Attalo I sull’Acropoli di Atene. Nonostante i massicci interventi di restauro appare verisimile confermare la valutazione dello studioso e inquadrare l’opera nella metà del II secolo d.C.

Giulia Ciccarello




Bibliografia
  • S. Francucci, La Galleria dell’Illustrissimo e Reverendissimo Signor Scipione cardinale Borghese, Roma 1613.
  • I. Manilli, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana, Roma 1650, p. 123.
  • D. Montelatici, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana con l’ornamenti che si osservano nel di lei Palazzo, Roma 1700, p. 66.
  • A. Nibby, Monumenti scelti della Villa Borghese, Roma 1832, pp. 66-67.
  • Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese, Roma 1840, p. 12, n. 1.
  • A. Nibby, Roma nell’anno 1838, Roma 1841, p. 915, n. 1.
  • Indicazione delle opere antiche di scultura esistenti nel primo piano della Villa Borghese”, Roma 1854 (1873), p. 14, n. 1.
  • C. Robert, Mythologische Cyklen, in “Die Antiken Sarkophagreliefs“, II, Berlin 1890, p. 142.
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 49.
  • G. Giusti, The Borghese Gallery and the Villa Umberto I in Rome, Città di Castello, p. 46.
  • W. Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom (3° Edizione), a cura di W. Amelung, II, Leipzig 1913, p. 253, n. 1565.
  • J. A. F. Orbaan, Documenti sul barocco in Roma, Roma 1920, p. 112.
  • Photographische Einzelaufnahmen antiker Sculpturen, X, 1 Munchen 1926, p. 19, nn. 2779-2781 (G. Lippold).
  • A. Schober, Zur Amazonengruppe des attalischen Weihgeschenkes, in “Jahreshefte des Österreichischen Archäologischen Institutes in Wien“, 28, Vienna 1933, pp. 102-111.
  • A. De Rinaldis, La R. Galleria Borghese in Roma, Roma 1935, p. 40.
  • B. Schweitzer, Späthellenistische Reitergruppen, Amazonen, in “Jahrbuch des Deutschen Archäologischen Instituts”, 51, 1936, pp. 158-174.
  • P. Della Pergola, La Galleria Borghese in Roma, (3° Edizione), Roma 1954, p. 43.
  • R. Calza, Catalogo del Gabinetto fotografico Nazionale, Galleria Borghese, Collezione degli oggetti antichi, Roma 1957, p. 10, n. 67.
  • W. Helbig, H. Speier, Führer durch die öffentlichen Sammlungen klassischer Altertümer in Rom, (4°Edizione), a cura di H. Speier, II, Tübingen 1966, p. 746, n. 1997 (von Steuben).
  • P. Moreno, Formazione della raccolta di antichità del Museo e Galleria Borghese, in “Colloqui del Sodalizio”, 5, 1975-76, pp. 126-127, tav. XX, fig. 1.
  • L. de Lachenal, Amazzone a cavallo e Galata caduto, in Museo Nazionale Romano, Le sculture, I/1, Roma 1979, pp. 162-164, n. 111.
  • P. Moreno, Museo e Galleria Borghese, La collezione archeologica, Roma 1980, p. 22, fig. 43.
  • P. Moreno, S. Staccioli, Le collezioni della Galleria Borghese, Milano 1981, p. 101, fig. a p. 86.
  • B. Palma, Il piccolo donario pergameno, in “Xenia”, 1, 1981, p. 74, n. 15.
  • L. De Lachenal, La collezione di sculture antiche della famiglia Borghese e il palazzo in Campo Marzio, in “Xenia”, 4, 1982, pp. 68, 90 (Appendice Va, n. 233); p. 93 (Appendice Vb, n. 196); p. 96 (Appendice VI, n. 96).
  • B. Palma, Appunti preliminari ad uno studio sul piccolo donario pergameno, in “Alessandria e il mondo ellenistico romano: Studi in onore di Achille Adriani”, III, Roma 1984, pp. 772- 782.
  • P. Moreno, C. Sforzini, I ministri del principe Camillo: cronaca della collezione Borghese di antichità dal 1807 al 1832, in “Scienze dell’Antichità”, 1, 1987, pp. 342, 354.
  • K. Kalveram, Die Antikensammlung des Kardinals Scipione Borghese, in “Römische Studien der Bibliotheca Hertziana”, 11, Worm am Rehin, 1995, pp. 261-262, n. 227.
  • P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 312, n. 26.
  • P. Moreno, A. Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La collezione archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, pp. 265-266, n. 257.
  • H. U. Cain, Kelten-Bilder in Rom. Inszenierte Demütigung und erlebte Siegermoral, in “Münchner Jahrbuch der bildenden Kunst“, 57, 2006, pp. 9-30.
  • C. Gasparri, C. Capaldi, S. Pafumi, M. Caso, F. Coraggio, L. Spina, Le sculture Farnese. Le sculture ideali, Napoli 2009, p. 178, nota 19.
  • F. Coarelli, La Gloria dei vinti. Pergamo. Atene. Roma, catalogo della mostra, (Roma, Museo Nazionale Romano, Palazzo Altemps, 2014), Roma 2014, pp. 28, 145, n. 22.
  • F. P. Arata, B. Cacciotti, L. Ceccarelli, F. Di Mario, A. M. Jaia, Anzio e Nerone. Tesori dal British Museum e dai Musei Capitolini, Roma 2016, pp. 19-20.
  • Schede di catalogo 12/99000058, G. Ciccarello 2020.