Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Fregio con Eroti funerari, Eroti fabbri e artigiani

Arte romana


Il fregio, ottenuto dalla giustapposizione di frammenti pertinenti a sarcofagi e monumenti diversi, presenta da sinistra un gruppo di tre Eroti, due con mantello intenti a contendersi una fiaccola e un terzo privo di mantello con la fiaccola sollevata. Al centro del rilievo tre Eroti forgiatori lavorano intorno all'incudine: uno seduto su uno sgabello tiene con la mano sinistra sull'incudine un oggetto e con la destra sollevata brandiva forse martello, gli altri due sollevano martelli con cui forgiano un’armatura. A destra, un gruppo di due inservienti o artigiani è intento a spostare degli oggetti accatastati sulla sinistra. La composizione è chiusa da un ultimo Erote con fiaccola, in pendant con il primo a sinistra.

Gli Eroti sono un motivo costante dell’arte ellenistica e romana; in particolare gli Eroti alati con fiaccola assunsero fin dall’età ellenistica specifici significati simbolici legati al mondo dei defunti; la scena di officina metallurgica, invece, rientra in un repertorio diffuso su sarcofagi di produzione urbana, destinati prevalentemente a fanciulli e bambini, e circoscritto alla tarda età adrianea-età antoniniana, cui è possibile ascrivere anche i gruppi con Eroti con fiaccola, mentre il rilievo con artigiani è ascrivibile a un orizzonte successivo.


Scheda tecnica

Inventario
CLXXXIX
Posizione
Datazione
120-150 d.C.
Tipologia
Materia / Tecnica
marmo di Luni
Misure
altezza cm 33, larghezza cm 140
Provenienza

Collezione Borghese (ante 1827); Inventario Fidecommissario Borghese, 1833, C, p. 41, n. 154. Acquisto dello Stato, 1902.

Restauri e Indagini diagnostiche
  • 1827 Massimiliano Laboureur
  • 1996/97 Liana Persichelli

Scheda

Il fregio è ottenuto dalla giustapposizione di frammenti pertinenti a sarcofagi e monumenti diversi.

Per quanto concerne la porzione centrale, in particolare, essa era dapprima collocata nella “Prospettiva”, la facciata posteriore della villa Pinciana e venne affidata nel 1827 a Massimiliano Laboureur per il restauro. È probabilmente in tale occasione che i vari frammenti vennero assemblati su un'unica lastra, poi trasferita all’interno del Casino in occasione del nuovo allestimento della collezione voluto da Camillo Borghese.

Partendo da sinistra, si osserva un gruppo di tre Eroti pertinenti al fregio continuo del medesimo sarcofago: il primo, stante e vestito della clamide, ha la testa rivolta a sinistra, il tronco frontale, la gamba sinistra avanzata e stringe con l’arto sinistro la fiaccola. Al centro, il secondo Erote è proteso con il corpo verso il primo, ma colto nell’azione concitata di sottrargli la fiaccola, che genera il sollevamento della piccola clamide. Lo schema della composizione ricorda alcuni gruppi di Eroti nell’atto di sollevare e contendersi un’arma (solitamente la lancia) (cfr. Bonanno Aravantinos 1998, p. 81, tipo IV). Il volto paffuto dell’Erote centrale è rivolto al terzo personaggio, disposto in pendant con il corpo, ma privo di mantello e con la fiaccola sollevata.

Al centro del rilievo moderno si distingue una scena di officina metallurgica: un gruppo di tre Eroti forgiatori lavora intorno all'incudine. Mentre uno, seduto su uno sgabello, tiene con la mano sinistra sull'incudine un oggetto, forse uno schiniere, e con la destra sollevata brandiva probabilmente un martello, non conservato, gli altri due, in piedi di tre quarti, brandiscono martelli con cui forgiano l’elemento di armatura.

A destra, un gruppo di due inservienti o artigiani, di dimensioni notevolmente inferiori a quelle degli Eroti, è intento a spostare degli oggetti accatastati sulla sinistra. La composizione è chiusa da un ultimo Erote con fiaccola, in pendant con il primo descritto ma privo di clamide: è stante, il tronco frontale, il capo rivolto a destra; la gamba sinistra è avanzata, la destra lievemente aperta, mentre stringe con la destra la fiaccola.   

Gli Eroti, frequentemente raffigurati nella forma di fanciulli alati, sono un motivo costante dell’arte ellenistica e appaiono spesso anche nell’arte romana in forma di Amorini, in particolare su sarcofagi e rilievi, impegnati in una serie di attività diverse, in scene di vita campestre, caccia, gioco o lotta. Inoltre, gli Eroti alati con fiaccola costituiscono un motivo iconografico diffusissimo nel mondo romano: rappresentati, in particolare, sui monumenti funerari, essi assunsero fin dall’età ellenistica specifici significati simbolici legati al mondo dei defunti. In particolare, la fiaccola rivolta verso l’alto doveva simboleggiare la fiamma accesa che accompagnava il defunto nell’oscuro viaggio nell’al di là, garantendo luce e protezione contro gli spiriti maligni e a livello escatologico doveva rappresentare la vittoria della vita sulla morte ed essere quindi garanzia e simbolo di immortalità. Nel tempo, tuttavia, l’Erote con fiaccola divenne un semplice motivo decorativo di maniera, privato dunque del significato allegorico (Francisi 2016).

Per quanto concerne il gruppo centrale, si tratta di una scena attestata in diversi sarcofagi a cassa parallelepipeda prodotti da botteghe urbane in cui si illustrano le diverse attività svolte dagli amorini nell'officina metallurgica, come fondere il metallo, forgiare le armi o trasportarle una volta completate (Bonanno Aravantinos 1998). Nei casi noti la scena è collocata generalmente a sinistra sulla fronte del sarcofago, occupato al centro da Eroti in volo che sorreggono un clipeo. Il clipeusmotiv ebbe grande successo nelle botteghe romane fra l’età antonina e il III sec. d. C. (Rodenwaldt 1943, p. 13; Koch, Sichermann 1982, pp. 238-241; Blanc, Gury 1986, pp. 982-983).

In particolare, il nostro frammento ha affinità con il sarcofago della collezione Del Nero di Firenze (Cracovia, Museo Nazionale, inv. DMNKCz 1955;1991) e di Macerata (Palazzo Compagnoni Marefoschi) (Bonanno Aravantinos 1998, pp. 86-88).  Nei circa 20 esemplari noti del tipo, la destinazione prevalente – ma non esclusiva – è per sepolture di bambini o fanciulli.

In conclusione, mentre è possibile ascrivere alla tarda età adrianea- età antoniniana i gruppi con Eroti, osservazioni di carattere tecnico e stilistico, quale il pesante uso del trapano, suggeriscono una dazione in età severiana per il frammento di rilievo con artigiani.

Jessica Clementi




Bibliografia
  • A. Nibby, Monumenti scelti della Villa Borghese, Roma 1832, pp. 110-111.
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 42.
  • G. Giusti, La Galerie Borghèse et la Ville Humbert Premier à Rome, Roma 1904, p. 31.
  • R. Calza, Catalogo del Gabinetto fotografico Nazionale, Galleria Borghese, Collezione degli oggetti antichi, Roma 1957, p. 18, n. 214.
  • P. Moreno, Museo e Galleria Borghese, La collezione archeologica, Roma 1980, p. 17.
  • P. Moreno, S. Staccioli, Le collezioni della Galleria Borghese, Milano 1981, p. 102.
  • G. Koch, H. Sichtermann, Römische Sarkophage, Munchen 1982, pp. 238-241.
  • N. Blanc, F. Gury, s.v. Eros/Amor, Cupido, in “Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae”, III,1 Zürich München 1986, pp. 982-983.
  • P. Moreno, C. Sforzini, I ministri del principe Camillo: cronaca della collezione Borghese di antichità dal 1807 al 1832, in “Scienze dell’Antichità”, 1, 1987, pp. 339-371, in part. p. 355.
  • M. Bonanno Aravantino, I sarcofagi romani raffiguranti eroti con armi, in Symposium "125 Jahre Sarkophag-Corpus" Marburg, Germany) Deutsches Archäologisches Institut. G. Koch (ed.), Mainz 1998, pp. 73-96, in part. p. 89, n. 10.
  • P. Moreno, C. Stefani, Galleria Borghese, Milano 2000, p. 159, n. 7.
  • P. Moreno, A. Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La collezione archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, p. 226, n. 211.
  • D. Francisi, Un possibile rilievo funerario romano da Denno in Val di Non (TN), in “Archeologia delle Alpi 2015”, Trento 2015, pp. 97-101.
  • Scheda di catalogo 99000009, G. Ciccarello 2021