Galleria Borghese logo
Risultati della ricerca
X
Nessun risultato :(

Consigli per la tua ricerca:

  • I risultati del motore di ricerca si aggiornano istantaneamente non appena si modifica la chiave di ricerca.
  • Se hai inserito più di una parola, prova a semplificare la ricerca scrivendone solo una, in seguito si potranno aggiungere altre parole per filtrare i risultati.
  • Ometti parole con meno di 3 caratteri, ad esempio "il", "di", "la", perché non saranno incluse nella ricerca.
  • Non è necessario inserire accenti o maiuscole.
  • La ricerca di parole, anche se scritte parzialmente, includerà anche le diverse varianti esistenti in banca dati.
  • Se la tua ricerca non produce risultati, prova a scrivere solo i primi caratteri di una parola per vedere se esiste in banca dati.

Visitazione di Maria ad Elisabetta

copia da Luciani Sebastiano detto Sebastiano del Piombo

(Venezia 1485 ca. - Roma 1547)

Il dipinto, forse appartenuto al Cavalier d'Arpino, rappresenta l'incontro tra la vergine Maria e sua cugina Elisabetta, entrambe incinte rispettivamente di Gesù e di Giovanni Battista. L'opera, una copia di buona qualità della Visitazione dipinta da Sebastiano del Piombo per Filippo Sergardi, è stata attribuita al pittore senese Vincenzo Tamagni, nome attualmente non condiviso da tutta la critica.


Scheda tecnica

Inventario
017
Datazione
Seconda metà del XVI secolo
Tipologia
Periodo
Materia / Tecnica
olio su tela
Misure
cm 147 x 179
Cornice

Salvator Rosa (cm 178 x 198,5 x 7)

Provenienza

Roma, collezione Giuseppe Cesari, detto il Cavalier d'Arpino, 1607 (Inv. 1607, n. 81; Della Pergola 1959); Roma, collezione Scipione Borghese, 1607; Inv. 1693, St. I, n. 33; Inventario Fidecommissario 1833, p. 39; Acquisto dello Stato, 1902.

Restauri
  • 1952 Augusto Cecconi Principi (pulitura, ritocchi, verniciatura);
  • 2003 Valentina Pasquali (pulitura, stuccatura delle lacune, reintegrazione pittorica, verniciatura finale)

Scheda

Il dipinto proviene probabilmente dalla ricca quadreria del Cavalier d'Arpino, accusato nel 1607 dai fiscali di Paolo V di detenzione illegale di armi da fuoco. Come è noto, infatti, in tale occasione, l'artista fu costretto a cedere un centinaio di opere alla Camera Apostolica, tra cui "un quadro della Visitazione di Santa Elisabetta senza cornici grande", indentificato dalla critica (Della Pergola 1959; Hermann Fiore 2010) con la tela in esame.

L'opera, attribuita nell'inventario del 1693 al Pomarancio, fu debitamente avvicinata da Adolfo Venturi (1893) alla scuola di Sebastiano del Piombo, parere accolto - seppur con qualche riserva - da Roberto Longhi (1928) ma respinto da Paola della Pergola (Ead. 1959) che dal canto suo optò per Vincenzo Tamagni, artista senese, allievo del Sodoma e attivo a Roma con la bottega di Raffaello. Secondo la studiosa, infatti, il pittore avrebbe eseguito la tela Borghese entro il 1530 - anno della sua morte - ipotesi che però stride con la cronologia fissata da Longhi al 1533-38 (Longhi 1928). Inoltre, anche il riferimento al Tamagni, espresso da Della Pergola e ribadito da Kristina Herrmann Fiore (2006), non ha convinto tutta la critica: l'opera, infatti, è assente nella monografia dedicata da Rossana Castrovinci (2017) all'artista senese.

Se diversi problemi persistono tuttora sull'autografia della tela, al contrario non c'è alcun dubbio che l'opera replichi la Visitazione eseguita da Sebastiano del Piombo per Filippo Sergardi, un olio su muro realizzato nella chiesa romana di S. Maria della Pace (Hirst 1965; per un parere diverso cfr. Della Pergola 1959), di cui rimangono solo alcuni frammenti (Alnwick Castle, coll. duca di Nothumberland; cfr. Lucco 1980). Come noto, infatti, il murale fu distrutto durante i lavori intrapresi da Gaspare Rivaldi tra il 1611 e il 1614, facendo perdere le sue tracce fino al 1841, quando tre frammenti comparvero nella collezione del cardinale Fesch, finendo - in seguito ad un'asta del 1845 - su suolo inglese e da lì in collezione del duca di Northumberland. A restituirci l'aspetto integrale della Visitazione prima della sua distruzione è proprio la versione Borghese, differente però da un'incisione di Hieronimus Cock sia nel paesaggio, sia nella figura di destra (un bimbo con un cane nell'esemplare Borghese, una donna nell'opera di Cock). Secondo Michael Hirst (1980), uno dei più noti studiosi di Sebastiano del Piombo, tale discrepanza ha una sua ragione: mentre la replica Borghese riprodurrebbe esattamente il dipinto del veneziano, Cock realizzò il suo rame partendo da un disegno preparatorio.

Come suggerito dalla critica (Salvini 1959; Hirts 1965; Lucco 1980), la copia Borghese va datata oltre la metà del XVI secolo, analogamente all'esecuzione della pittura di Sebastiano in S. Maria della Pace.

Antonio Iommelli




Bibliografia
  • D. Montelatici, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana con l’ornamenti che si osservano nel di lei Palazzo, Roma 1700, p. 297;
  • F. W. B. von Ramdohr, Ueber Malherei und Bildhauerarbeit in Rom für Liebhaber des Schönen in der Kunst, Leipzig 1787, I, p. 277;
  • A. Manazzale, Itinerario, I, Roma 1817, p. 290;
  • X. Barbier de Montault, Les Musées et Galeries de Rome, Rome 1870, p. 352;
  • J. A. Crowe, G. B. Cavalcaselle, A History of Painting in North Italy, III, London 1871, p. 230;
  • G. Piancastelli, Catalogo dei quadri della Galleria Borghese, in Archivio Galleria Borghese 1891, p. 33;
  • A. Venturi, Il Museo e la Galleria Borghese, Roma 1893, p. 32;
  • R. Longhi, Precisioni nelle Gallerie Italiane, I, La R. Galleria Borghese, Roma 1928, p. 177;
  • L. Düssler, Sebastiano del Piombo, Basel 1942, p. 121, nota 76)
  • R. Pallucchini, I dipinti della Galleria Estense, Roma 1944, pp. 75, 173;
  • B. Berenson, Italian Pictures of the Renaissance. Venetian School, I, London 1957, p. 164;
  • P. della Pergola, La Galleria Borghese. I Dipinti, II, Roma 1959, pp. 134-135, n. 186;
  • R. Salvini, Note sui ritratti sebastianeschi di Clemente VII, in “Emporium”, CXXIX, 1959, p. 151;
  • P. della Pergola, L’Inventario Borghese del 1693 (I), in “Arte Antica e Moderna”, XXVI, 1964, pp. 221, 228;
  • M. Hirst, A Late Work of Sebastiano del Piombo, in “The Burlington Magazine”, CVII, 1965, pp. 177-85;
  • M. Lucco, L’opera completa di Sebastiano del Piombo, Milano 1980, pp. 125-126;
  • M. Hirst, Sebastiano del Piombo, Oxford 1981, pp. 145-146, n. 99;
  • K. Herrmann Fiore, in Caravaggio: la luce nella pittura lombarda, catalogo della mostra (Bergamo, Accademia Carrara, 2000), a cura di C. Strinati, Milano 2000, p. 69;
  • K. Herrmann Fiore, Galleria Borghese Roma scopre un tesoro. Dalla pinacoteca ai depositi un museo che non ha più segreti, San Giuliano Milanese 2006, p. 12.
  • R. Castrovinci, Vincenzo Tamagni da San Gimignano. Discepolo di Raffaello, Roma 2017 (assente).