Galleria Borghese logo
Search results for
X
No results :(

Hints for your search:

  • Search engine results update instantly as soon as you change your search key.
  • If you have entered more than one word, try to simplify the search by writing only one, later you can add other words to filter the results.
  • Omit words with less than 3 characters, as well as common words like "the", "of", "from", as they will not be included in the search.
  • You don't need to enter accents or capitalization.
  • The search for words, even if partially written, will also include the different variants existing in the database.
  • If your search yields no results, try typing just the first few characters of a word to see if it exists in the database.

Statuetta di Iside Pharia

Roman art


Text not translated yet

Il bronzetto patinato raffigura una figura femminile con lungo chitone, la tunica, e himation, il mantello. Il panneggio, trattenuto dalle braccia piegate in avanti, compie un ampio arco tondeggiante sopra il capo. La piccola statuetta è da identificare con il tipo iconografico dell’Iside Pharia, provvista del copricapo lunare.

Nel deposito della Palazzina Borghese è custodita una serie di bronzetti miniaturistici di soggetto differente che non risulta menzionata negli inventari e nella bibliografia della collezione archeologica. In un intervento settecentesco attribuito all’orafo Luigi Valadier il bronzetto viene applicato su una lunga cornice dorata come elemento decorativo alternato ad altre tre figurine simili e tre quadretti dipinti.

Sulla base di osservazioni stilistiche l’opera è da considerare una replica inquadrabile nella metà del I secolo d.C. di un archetipo di epoca alessandrina, risalente al III a.C.


Object details

Inventory
CCLXXXIV
Location
Date
metà I secolo d.C.
Classification
Medium
bronzo
Dimensions
altezza cm 9
Provenance
Text not translated yet

Collezione Borghese, documentato nel 1773. Acquisto dello Stato, 1902.

Exhibitions
  • 2019 - Roma, Galleria Borghese
Conservation and Diagnostic
  • 1773 - Luigi Valadier

Commentary

La statuetta rappresenta una figura femminile stante con le gambe parallele dritte e il volto coinvolto in una leggera torsione verso destra. Indossa un ampio e lungo chitone, una tunica, che lascia scoperti solo i piedi, trattenuto in vita da una cintura. La veste aderisce sinuosa alle forme del corpo lasciando intravedere l’ombelico reso da un puntino. Sul busto lascia scoperta la spalla sinistra e si arriccia in voluminose pieghe svolazzanti. Le braccia, flesse e protese in avanti, trattengono l’himation, il mantello, che compie una vistosa velificatio sopra la figura. Sul capo, coperto da corti boccoli ondulati, troneggia la falce lunare provvista di un elemento sporgente. Il volto, dai tratti consumati, ha occhi tondeggianti e sporgenti, evidenziati da un solco circolare inciso. Il naso è largo e le labbra carnose. La figura richiama il modello iconografico dell’Artemide, caratterizzata dal copricapo decorato dalla falce di luna ma l’elemento superiore sporgente ha indotto il Lippold ha indicare nella figura una rappresentazione dell’Iside Pharia derivante da un originale di epoca alessandrina di III secolo a.C. di cui l’opera Borghese sarebbe una delle numerose repliche note (1950, p. 345, nota 6).

La statuetta è conservata nei depositi della Palazzina Borghese insieme a una serie di bronzetti miniaturistici di soggetto eterogeneo dei quali non risulta menzione negli Inventari e nella bibliografia riguardante la collezione archeologica. La Minozzi nel 2019 ricorda una nota di pagamento, datata al 1773 e rinvenuta da Gonzàlez-Palacios, riguardante i restauri dell’orafo Luigi Valadier su vari bronzetti definiti “alcune figurine accomodate”, nei quali l’autrice individua il gruppo in esame (1993, pp. 37, 50). Il documento riporta l’integrazione di parti mancanti e l’applicazione delle figurine su supporti lignei dorati che l’autrice attribuisce allo stesso Valadier (2019, pp. 192-195). La figurina femminile è posta, insieme ad altri tre bronzetti interpretati come Ercole in assalto, Artemide e Atena (invv. CCXCVIII, CCLXXXV, CCLXXXVI), come elemento di separazione di piccoli dipinti su una lunga cornice. In occasione della mostra “Valadier. Splendore nella Roma del Settecento”, svoltasi nel 2019 presso la Galleria Borghese, sulla figura sono state eseguite analisi EDXRF che ne hanno confermato l’originalità e indicato una composizione di bronzo ternario rivestito di una patina dipinta. L’opera è da considerare una replica inquadrabile nella metà del I secolo d.C.

Giulia Ciccarello




Bibliography
  • G. Lippold, Die Griechische Plastik, in “Handbuch der Archäologie”, VI, III, 1, München 1950, p. 345, nota 6.
  • A. Gonzàlez-Palacios, Il gusto dei principi. Arte di corte del XVII e del XVIII secolo, Milano 1993.
  • M. Minozzi, Cornici con applicazioni di bronzetti antichi e moderni, in Valadier. Splendore nella Roma del Settecento, catalogo della mostra (a cura di G. Leardi), Roma 2019, pp. 192-195.
  • Schede di catalogo 12/01008579, P. Moreno 1979; aggiornamento G. Ciccarello 2020.