Galleria Borghese logo
Search results for
X
No results :(

Hints for your search:

  • Search engine results update instantly as soon as you change your search key.
  • If you have entered more than one word, try to simplify the search by writing only one, later you can add other words to filter the results.
  • Omit words with less than 3 characters, as well as common words like "the", "of", "from", as they will not be included in the search.
  • You don't need to enter accents or capitalization.
  • The search for words, even if partially written, will also include the different variants existing in the database.
  • If your search yields no results, try typing just the first few characters of a word to see if it exists in the database.

Fregio con Erote e ghirlanda

Roman art


Text not translated yet

Il rilievo raffigura un Erote alato incedente verso destra, con le gambe divaricate e sollevate dal suolo. La piccola figura sostiene con il capo chino un ricco festone traboccante di frutti e tenuto da nastri svolazzanti.

La lastra, ricordata nel 1650 e nel 1700 murata al centro della facciata del Teatro, nel secondo recinto del giardino, è ritratta, integra, in un’incisione del Piranesi nel 1778. Entrò a far parte della decorazione del Salone nell’ambito del riallestimento della Palazzina successivamente alla grande vendita della collezione di antichità a Napoleone Bonaparte nel 1807.

Si tratta del frammento di un sarcofago decorato con figure di Eroti ghirlandofori databile all’epoca adrianea, ispirato a prototipi ellenistici.


Object details

Location
Date
metà II secolo d.C.
Classification
Medium
marmo bianco a grana fine
Dimensions
54 x 205 cm; parte originale 54 x 78 cm
Provenance
Text not translated yet

Collezione Borghese, nel 1650 è ricordato nel secondo recinto del giardino, murato al centro della facciata del Teatro (Manilli 1650, p. 153); nella Palazzina Borghese successivamente al 1832. Acquisto dello Stato, 1902.

Conservation and Diagnostic
  • XIX secolo - Integrazioni nella parte del fondo in basso, nell’orlo superiore e nella prosecuzione a destra e a sinistra dei festoni.

Commentary

Il rilievo è ricordato nel 1650 dal Manilli nel secondo recinto del giardino, murato al centro della facciata del Teatro: “è scolpito un putto alato, che sostiene due festoni di frutti» (p. 153). Nel 1700 il Montelatici ne conferma la collocazione e ne fornisce una descrizione più puntuale: “un putto alato, che con le spalle regge un festone di frutti” (p. 88). Nel 1778 si ritrova raffigurato in un’incisione ad opera di Giovanni Battista Piranesi in uno stato di conservazione migliore di quello attuale, con il bordo superiore, oggi visibilmente lacunoso, completo (Ficacci 2000, p. 620, n. 814).

Durante la riorganizzazione della collezione, operata a seguito della vendita napoleonica del 1807, la scultura deve essere stata integrata per adattarsi alla sua nuova destinazione come sovrapporta nel Salone.

La lastra raffigura un Erote alato che sorregge una ricca ghirlanda composta da frutti e sorretta da nastri. La piccola figura è ritratta di profilo, verso destra, con le gambe sollevate dal suolo e divaricate in aria, in un movimento che evoca un passo di danza. Le braccia sono alzate a tenere il pesante festone che si adagia sul capo chino. I festoni sono sorretti alle estremità da due applique circolari ornati da un fiocco da cui dipartono taenie svolazzanti. Il rilievo conserva di antico la parte centrale fino a metà dei festoni, il resto è integrato nell’intervento di epoca moderna.

La lastra è pertinente a un sarcofago ornato da Eroti ghirlandofori secondo un’iconografia ben diffusa in epoca ellenistica e della quale l’esemplare Borghese rappresenta una pregevole replica di epoca adrianea. Un pertinente confronto si può individuare con un rilievo analogo, proveniente dalla collezione Borghese, oggi conservato al museo del Louvre (Ma 306: Herdejürgen 1996, pl. 44, 1, n. 53). La Herdejürgen ritiene la scultura una rielaborazione barocca di motivi antichi; opinione considerata dal Moreno, che ne fornisce tuttavia un’ampia disamina stilistica (1997, pp. 494-495; Moreno, Viacava 2003, pp. 135-136, n. 101).

Giulia Ciccarello




Bibliography
  • I. Manilli, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana, Roma 1650.
  • D. Montelatici, Villa Borghese fuori di Porta Pinciana con l’ornamenti che si osservano nel di lei Palazzo, Roma 1700
  • P. Moreno, S. Staccioli, Le collezioni della Galleria Borghese, Milano 1981, p. 102.
  • H. Herdejürgen, Stadtrömische und Italische Girlandensarkophage, I, Die Sarkophage des ersten und zweiten Jahrhunderts, Berlin 1996.
  • H. Herdejürgen, Antike und moderne Reliefs in der Villa Borghese, in “Archäologischer Anzeiger”, 4, 1997, pp. 479-503, in part. p. 493 fig. 14, pp. 494-495.
  • L. Ficacci, Giovanni Battista Piranesi. The complete etchings, Colonia 2000.
  • P. Moreno, A. Viacava, I marmi antichi della Galleria Borghese. La collezione archeologica di Camillo e Francesco Borghese, Roma 2003, pp. 135-136, n. 101.
  • A. Campitelli, La collezione di sculture nel parco della villa, in I Borghese e l’Antico, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese, 7 dicembre 2011-9 aprile 2012) a cura di A. Coliva, M.L. Fabréga-
  • Dubert, J.L. Martinez, M. Minozzi, Ginevra-Milano 2011, pp. 89-99, in part. p. 97, n. 12.
  • Schede di catalogo 12/01008367, P. Moreno 1976; aggiornamento G. Ciccarello 2020.